IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ponte Morandi, diffuso il video “segreto” che riprende il crollo: una raffica di vento e il viadotto si sbriciola

Fino a oggi era stato mantenuto nella massima riservatezza perché oggetto di indagini

Più informazioni su

Genova. Dopo molti mesi di attesa, eccolo. Il video che riprende il momento esatto del crollo di ponte Morandi è stato diffuso dalla guardia di finanza. Si tratta del filmato registrato dalle telecamere di sorveglianza della Ferrometal, una delle aziende che si trovavano vicino al viadotto.

Generica

I video sono in realtà due, con angolature leggermente differenti, una più ravvicinata ma sfocata, l’altra più nitida e lontana. In entrambe si nota il forte maltempo di quella mattina del 14 agosto. Il ponte viene percorso da alcuni mezzi pesanti e non. A un certo punto, come nelle scorse settimane ha dichiarato anche il capo della procura di Genova Francesco Cozzi, si nota un aumento del vento.

Quasi all’unisono gli stralli ovest, e in particolare quello lato sud, della pila 9, cedono. Insieme cade anche l’impalcato e in un attimo tutta l’antenna – il pilone a forma di A – si disintegra portando con sé chi lo stava percorrendo, vittime e superstiti.

Cosa è cambiato? Perché proprio oggi quel video? Il gip ha dato l’ok per la visione a tutte le parti, sia accusa sia difesa. In base a quelle immagini infatti si svilupperanno le risposte ai quesiti sul crollo legati al secondo incidente probatorio.

Fino a oggi era stato mantenuto nella massima riservatezza perché oggetto di indagini da parte della procura. Inoltre gli inquirenti temevano che avrebbe potuto influenza i testimoni oculari del disastro.

Entrambe le parti, accusa e difesa, oggi saranno al Campasso in sopralluogo sui detriti del moncone est del Morandi. Alcune parti del viadotto erano state colorate prima dell’esplosione per poter studiare la dinamica del crollo e lo stato di salute della struttura. Dopo il sopralluogo nell’ambito dell’inchiesta i demolitori potranno entrare davvero in azione per valutare come rimuovere quell’immensità di macerie.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.