IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, polemica 25 Aprile. Vaccarezza: “Sarà una festa ecologica, ad ‘euro 0’ per il Comune”

Savona. “Una vittoria del buon senso, nessuna sconfitta, semmai una vittoria dei cittadini di Savona visto che sarà una festa ecologica, ad “euro 0” a carico dei savonesi”. Lo ha detto questa mattina il capogruppo di Forza Italia Angelo Vaccarezza dopo la presentazione di “R-Esiste”, l’evento organizzato da Anpi che si svolgerà al Priamar di Savona e che da quest’anno non sarà più a carico del Comune ma con costi suddivisi tra le varie associazioni che partecipano all’evento e che hanno raccolto circa sei mila euro.

angelo vaccarezza

Proprio Vaccarezza aveva attaccato duramente l’Anpi dopo le critiche al Comune di Savona sul mancato stanziamento dei 12 mila euro previsti per la realizzazione dell’evento. “Non ho mai attaccato le manifestazioni del 25 Aprile, le iniziative istituzionali ci saranno, come ogni anno…Altra cosa è una festa nella quale si raccolgono fondi per sostenere la sinistra savonese: questa cosa non si può fare con i soldi di tutti”.

“Ma poi qual è il problema? Alla fine l’iniziativa al Priamar ci sarà con la dimostrazione che i 12 mila euro potevano essere risparmiati, quindi sarà un bel 25 Aprile…” aggiunge ancora Vaccarezza.

Quanto alle accuse arrivate al Comune sulla sua volontà di smarcarsi dalla tradizionale festa: “Il problema di fondo è ideologico, appunto, la sinistra pensa che il 25 Aprile sia una loro festa, una loro celebrazione e se hai una tessera di partito sbagliato non puoi parlare in piazza. Per me la Festa della Liberazione deve essere la festa di tutti, non solo di una parte: non è una loro proprietà, ma appartiene a tutti quanti hanno una idea di futuro per l’Italia”.

“Mi pare che la polemica di Anpi o altre associazioni sia di poco conto. Sventolino pure le loro bandiere rosse, con la speranza però che dal giorno successivo difendano la libertà e i diritti di tutti, anche per chi magari veste una divisa e per chi sta ad un incrocio della strada a rischiare la pelle per 1.000 euro al mese” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.