IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Jovanotti ad Albenga, partecipare alla grande festa in spiaggia costerà 60 euro fotogallery

Si potrà giocare a beach volley, fare il bagno, mangiare, bere, ballare e ci si potrà anche far sposare dal celebre cantante

Albenga. Biglietto unico, 59,80 euro. A cui aggiungere 3,65 euro di commissioni di servizio, per un totale di 63,45 euro. Questa la cifra che i fan di Lorenzo Cherubini dovranno sborsare per partecipare al Jova Beach Party di Albenga, in programma sabato 27 luglio 2019. A cui andranno aggiunti altri 10 euro qualora alla stampa “fai da te” si preferisca un biglietto “fisico” (magari per ricordo), ma si sia impossibilitati a recarsi in un luogo di ritiro e si ricorra, quindi, alla spedizione.

I biglietti sono già acquistabili sulla piattaforma TickeOne (a questo link). Poco meno di 60 euro più i costi “accessori”: la stessa cifra che sarà necessaria per assistere a ogni altra tappa del grande tour estivo che il prossimo anno vedrà protagonista “Jovanotti”, con l’unica eccezione dell’ultima a Marebbe, in Trentino, dove l’ingresso costerà 69 euro (sempre più commissioni ed eventuale spedizione).

I dettagli del progetto sono stati presentati ieri mattina nel corso di una conferenza stampa trasmessa online sulla pagina Facebook ufficiale del musicista romano.

Il Jova Beach Party è una grande festa in spiaggia che si svolgerà nell’arco dell’intera giornata in una “città temporanea” di 300 metri per 100 metri realizzata interamente sulla spiaggia: “Qui – ha spiegato Jovanotti – troveranno spazio tanti ospiti, gruppi, dj-set, ristoranti. Si potrà giocare a beach volley, fare il bagno, mangiare, bere, ballare. Ci si potrà anche sposare: con il permesso dei sindaci, indosserò la fascia e potrò anche fare da officiante”. E il momento clou sarà ovviamente l’esibizione di Lorenzo Cherubini, che ad ogni tappa darà vita ad un dj-set tutte le volte diverso.

La scelta di organizzare un “beach party” non è stata casuale: “Il prossimo anno saranno i 50 anni dello sbarco sulla Luna. La telecronaca di Nicolò Carosio è il primo ricordo cosciente della mia vita. Se ci pensate, l’impronta lasciata da Neil Armstrong è simile a quella che tutti noi lasciamo sulle spiagge. La Luna è come se fosse la spiaggia dell’universo. Sei mesi dopo l’allunaggio c’è stato il concerto di Woodstock, una grande festa che ha segnato un’epoca e che è diventata il simbolo di tutti i concerti e di tutti gli eventi di divertimento”.

In questa ricorrenza, dunque, Jovanotti ha deciso di organizzare un tour unico. Che ha nelle spiagge la location perfetta: “In spiaggia si possono fare tante cose: si parte, si arriva, si contempla, ci si diverte, si va in vacanza, si vivono avventure, ci si incontra. Ma soprattutto ci si può ballare. E questo vorrei che si facesse con il Jova Beach Party. Ballare, ballare e ballare”.

Come ammesso dallo stesso Lorenzo Cherubini, organizzare eventi simili in spiaggia è sempre rischioso: “Ma grazie alla collaborazione dei sindaci e dei Comuni, riusciremo ad organizzare queste 15 tappe al meglio. Soprattutto, grazie al fondamentale supporto di Wwf e del nostro pubblico lasceremo le spiagge meglio di come le troveremo”.

Il Jova Beach Party fa tappa ad Albenga

Jovanotti e Albenga: è di una sorta di ritorno alle origini. Nel dicembre 1988, infatti, Cherubini iniziò il servizio militare presso la caserma Turinetto di Albenga, che portò poi anche alla nascita della canzone “Asso”, colonna sonora della serie televisiva “Classe di Ferro”. Un’esperienza, quella ingauna, rimasta evidentemente nel cuore e nei ricordi del cantante romano, che ne raccontò dettagli e curiosità circa un anno fa, durante una puntata della trasmissione “90 Special” su Italia 1. Per non parlare, poi, delle ricadute positive in termini d’immagine, turistici ed economici che il concerto di un cantante del calibro di Jovanotti potrebbe portare all’intero comprensorio ingauno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.