IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incidente di Cremona, la verità dello schianto dai cronotachigrafi foto

Tra le ipotesi quella che il pullman fosse appena ripartito, un malore del camionista o un possibile guasto meccanico

Cremona. Saranno i cronotachigrafi del camion frigo e del pullman della Gunetto di Fossano coinvolti nell’incidente di venerdì sera sull’A21 a Cremona a chiarire, già nella giornata di lunedì, se i due mezzi fossero entrambi in movimento o solo l’autoarticolato.

Tra le ipotesi al vaglio della polizia stradale coordinata dalla Procura, infatti, c’è anche quella che l’autobus degli studenti dell’Iss di Cairo Montenotte fosse appena uscito dalla piazzola di sosta per percorrere la corsia di emergenza e quindi immettersi nella carreggiata. Proprio in quell’istante dal buio era piombato il Tir che lo ha tamponato scaraventandolo nel dirupo. Non viene neppure esclusa l’ipotesi che il camionista sia stato colto da malore o che il mezzo abbia subito un guasto meccanico al momento del tamponamento.

Un incidente che ha avuto conseguenze pesantissime: uno dei due autisti del pullman Fausto F., 50 anni, di Fossano, ha riportato l’amputazione di una gamba. L’uomo, al momento dell’impatto, stava riposando dalla guida. Ben ventinove sono stati gli studenti feriti, 14 dei quali  sono stati ricoverati in ospedale.

E domani gli studenti dell’istituto cairese torneranno sui banchi di scuola. Ad attenderli troveranno preside e docenti. Molti ragazzi continuano a commentare l’odissea sui social network. “Ero seduta a metà dell’autobus, ad un certo punto abbiamo sentito un botto e i miei compagni che erano seduti nella parte posteriore dell’autobus hanno iniziato a gridare. Non ho capito cosa fosse accaduto e in pochi secondi il pullman è finito nella scarpata. È stato terribile”, racconta una studentessa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da meckaloc

    Ci sono un po’ di inesattezze ……..dai filmati dei vari telegiornali si vede chiaramente che la piazzola è una piazzola d’emergenza ( quelle senza corsia di decelerazioene ne di accelerazione ) le più pericolose per fermarsi , soprattutto per i mezzi pesanti nel riinserimento del flusso circolante impiegano più tempo per raggiungere la velocità . Infatti sono chiamate piazzole di emergenza .
    Sembrerebbe che gli autisti abbiano fatto il cambio tra di loro , per raggiunto limite orario di guida , in questa piazzola e non in una ben più ampia (piazzola di sosta )con tanto di corsie di deceleraz. e acceleraz. e alla ripartenza qualche errore di valutazione non ha permesso al tir di evitare lo scontro (potrebbe aver avuto una vettura alla sua sx che lo sorpassava ).
    Fortunatamente l’uro non è stato molto violento e la riva non era alta …….nel contesto è andata ancora bene …..

  2. Giudice
    Scritto da Giudice

    Se era appena uscito dalla piazzola di sosta avrà percorso la corsia di accelerazione e non quella di emergenza. Cambia !!