IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Luminosa Bogliolo vince la batteria: semifinale mondiale centrata

L'azzurra sfiora il personale. Ora è tra le migliori 24: tornerà a gareggiare sulla pista di Doha domani, poco dopo le 18

Alassio. Per Luminosa Bogliolo la stagione 2019 può già dirsi eccellente. La 24enne, dopo aver ottenuto il personale a giugno con il tempo di 12″78, ha vinto, tra le tante gare, la medaglia d’oro alle Universiadi e ha primeggiato nei campionati europei a squadre.

bogliolo

Il tutto sui 100 ostacoli, la sua specialità che oggi, per la prima volta, affronta ai campionati mondiali. La sede dell’evento è Doha, in Qatar.

L’alassina occupa il 27° posto della graduatoria mondiale di specialità, classifica di merito che comunque rappresenta poco nell’ambito di un singolo evento. I campionati mondiali fanno storia a sé. Peraltro numerose atlete che la precedono non sono presenti a Doha, dove ogni federazione può schierare al massimo tre portacolori. Sulla carta, Bogliolo era da semifinale.

E ha confermato di esserlo anche nei fatti. Inserita nella seconda batteria, in programma alle ore 16,23, è giunta prima al traguardo in 12″80. Seconda classificata Yanique Thompson (Giamaica) in 12″85, terza Anne Zagre (Belgio) in 12″91, quarta Brianna Beahan (Australia) in 13″11. Tutte qualificate.

Poi, sesta Ayako Kimura (Giappone) in 13″19, settima Fanny Quenot (Francia) in 13″51.

La batteria ha vissuto un accadimento importante per l’intera competizione: la statunitense Brianna McNeal, la favorita, si è resa protagonista di una partenza anticipata (-0,03), pertanto è stata squalificata. Ha protestato, poi riguardando le immagini è scoppiata in lacrime.

Erano in 38, restano in 24. L’appuntamento con le semifinali è per domani, domenica 6 ottobre, alle ore 18,02. La finale andrà in scena alle 19,50. Ci saranno le migliori 8; per Luminosa l’impresa di entrarci si preannuncia difficile, ma non impossibile.

Luminosa ha dichiarato: “È stata una bella batteria, penso di aver corso bene. Volevo stare il più vicino possibile alla statunitense McNeal, ma l’hanno buttata fuori per falsa partenza, quindi ho dovuto cambiare obiettivo e ho detto ‘a questo punto la vinco’. Ero partita molto meglio nel primo start: senza l’altoparlante dietro al blocco bisogna essere concentrati perché in ottava corsia non si sente bene come in prima. Nella seconda parte di gare mi sentivo molto avanti e inconsciamente ho un po’ smesso di spingere, poi quando ho sentito rientrare la giamaicana Thompson ho ricominciato perché non volevo farle vincere la batteria. In semifinale 12″80 non basta: devo correre più forte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.