Risse e spaccio, il Questore chiude per una settimana il Bajda - IVG.it
Stop movida

Risse e spaccio, il Questore chiude per una settimana il Bajda

Il provvedimento a seguito dell'accoltellamento e dei furti di una settimana fa

bajda

Noli. Brutte notizie per gli amanti della movida: il Questore di Savona ha emanato un provvedimento di chiusura della discoteca Bajda di Noli. Il famoso locale rimarrà chiuso per 7 giorni, ai sensi dell’art. 100 TULPS: sono sospese le licenze per gli intrattenimenti danzanti e l’attività di somministrazione.

Il provvedimento è scattato alla luce di un’istruttoria della Polizia di Stato, che ha analizzato diversi episodi registratisi di recente nel locale. L’ultimo in ordine di tempo l’accoltellamento nella notte tra il 13 e il 14 agosto: intorno alle 4.45 era scoppiata una lite per futili motivi tra due frequentatori del locale, e ad avere la peggio era stato un ventunenne torinese, G.G., che era stato colpito da sette coltellate, mentre il suo aggressore era riuscito a scappare facendo perdere le proprie tracce.

La stessa sera c’era stato nel locale un servizio di Polizia: in quell’occasione, all’interno della discoteca erano stati trovati alcuni pregiudicati ed erano stati segnalati episodi di spaccio. Ma nel “dossier Bajda” sono finiti anche altri episodi che partono dal 2013, tra cui molte segnalazioni di furti, danneggiamenti nei bagni limitrofi e sulle autovetture durante le ore di apertura del locale (l’ultimo episodio in questo senso è di circa una settimana fa).

Già il Comune di Noli aveva ridotto l’orario di esercizio della discoteca, imponendone la chiusura alle 2. Ora il provvedimento del questore: per una settimanalmente balli al Bajda.

leggi anche
Noli, auto svaligiate davanti alla discoteca Bajda
Raid
“Topi d’auto” in azione a Noli: forzate e ripulite numerose macchine vicino al Bajda
Carabinieri notte
Movida violenta
Lite fuori dalla discoteca a Noli, 21enne colpito da 7 coltellate: caccia all’aggressore

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.