IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, il sindaco Luigi Pignocca emette un’ordinanza contro la processionaria del pino

Loano. Il sindaco di Loano Luigi Pignocca ha emesso un’ordinanza di “lotta obbligatoria contro la processionaria del pino”.

“Con l’arrivo della stagione primaverile – ricordano da Palazzo Doria – si ripresentano le condizioni favorevoli per la proliferazione e la diffusione di animali infestanti, in particolare la ‘processionaria del pino’ (Traumatocampa pityocampa). La lotta contro la processionaria del pino è obbligatoria su tutto il territorio nazionale, poiché costituisce una minaccia per la produzione o la sopravvivenza di alcune specie arboree e può costituire un rischio per la salute delle persone e degli animali”.

Questo perché “dalle forme larvali di questi insetti infestanti possono avere effetti sanitari negativi sulle persone che risiedono o frequentano le aree interessate da tale infestazione, in quanto i peli sono fortemente urticanti e pericolosi al contatto, sia cutaneo che delle mucose degli occhi e delle vie respiratorie, soprattutto in soggetti particolarmente sensibili”.

Per questo motivo, il primo cittadino ha emesso un documento con il quale ordina “a tutti i proprietari di aree verdi e agli amministratori di condominio, che abbiano in gestione aree verdi private sul territorio comunale, di effettuare entro il 17 marzo tutte le opportune verifiche ed ispezioni sulle piante che si trovano nelle loro proprietà, al fine di accertare la presenza di nidi della processionaria del pino”.

Alcune specie di alberi sono particolarmente sensibili e soggette agli attacchi dell’insetto: tra queste il pino domestico (Pinus pinea), il pino d’Aleppo (Pinus halepensis), il pino silvestre (Pinus sylvestris), il pino nero (Pinus nigra), il pino strobo (Pinus strobus) e alcune specie di cedro come il cedro del Libano (Cedrus libani), il cedro dell’Atlante (Cedrus atlantica) e il cedro dell’Himalaya (Cedrus deodara).

Nel caso si riscontrasse la presenza di nidi della processionaria, i proprietari delle piante dovranno immediatamente intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi nidi e con l’attivazione della profilassi attraverso ditte specializzate.

Tutte le spese per la disinfestazione sono a carico dei privati, che non potranno in alcun modo “conferire” i nidi nei cassonetti. Chi non rispetterà l’ordinanza potrà essere multato fino a 500 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Mi pare che le azioni contro le processionarie abbiano una tempistica particolare:

    Considerato il ciclo vitale dell’insetto, è importante attivarsi seguendo il seguente calendario:
    INIZIO OTTOBRE: si effettuano trattamenti mediante irrorazione delle chiome con insetticida microbiologico a base di Bacillus thuringiensis kurstaki (il prodotto è innocuo per l’uomo, i vertebrati e gli insetti utili in genere).
    GENNAIO/FEBBRAIO: è il momento di effettuare la raccolta nidi tagliando i rami su cui questi sono costruiti e distruggendoli mediante bruciatura. Si raccomanda a chi esegue questa operazione di proteggersi e adottare la massima cautela per evitare ogni contatto con i peli urticanti delle larve;
    GIUGNO: installare trappole a feromoni sessuali per la cattura dei maschi adulti in numero di una, massimo due, a giardino;

    La raccolta in marzo …. mi sembra troppo pericolosa, meglio evitarla.

    Di certo quando alberi inadatti ad un minuscolo giardino crescono troppo …. andrebbero eliminati per lasciare spazio a piante a sviluppo minore …….

    Accudire con una potatina ai rami con nidi di processionaria è un costo non indifferente, è giusto lo paghi il privato che “vuole” conservare in giardino alberi “inadatti”
    ma
    se invece il cattivo privato desidera eliminarli per ricreare un equilibrio che il tempo ha cancellato sostituendoli con alberi “adatti” con uno sviluppo limitato

    e questa operazione viene impedita dall’autorità locale ….
    beh allora i costi della potatina se li deve accollare la comunità.