IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La mamma che denunciò Don Fusta ascoltata di nuovo in aula: confermate le accuse

La donna ha deposto nuovamente nel processo perché il giudice è cambiato

Pietra Ligure.Cambia il giudice, ma non la versione della presunta parte offesa. Questa mattina in tribunale il processo che vede a giudizio Don Luigi Fusta, l’ex parroco di San Nicolò accusato di favoreggiamento personale di un pedofilo (avrebbe consigliato di non sporgere denuncia), è ripreso con la deposizione della mamma della presunta vittima di abusi sessuali.

La donna, che aveva già testimoniato davanti al giudice Francesco Meloni (ora passato al gip), stamattina ha ribadito quanto aveva già detto in precedenza anche davanti al giudice Giannone. La donna nella precedente udienza, a proposito del giorno in cui incontrò Don Fusta, aveva raccontato: “Non ricordo bene il periodo, era gennaio o febbraio, ma andai a parlare con lui perché era parroco a Pietra Ligure. Non sapevo come comportarmi, se denunciare quello che era successo. Vedevo che mia figlia non dormiva più da sola e allora ho deciso di parlare con Don Fusta perché conosceva quella persona. Siamo andati nel suo ufficio in parrocchia ed eravamo solo noi due. Gli ho parlato di mia figlia e lui disse di non fare denuncia, di dire a mia figlia che farlo è contro la chiesa” aveva raccontato la madre della ragazzina.

“Ricordo che alla fine della nostra chiacchierata mi ha fatto il gesto del ‘ti assolvo’ come se mi fossi confessata, ma per me non era una confessione. Io non gli ho detto il nome di quell’uomo, ma quello della moglie” aveva precisato la mamma della presunta vittima che aveva anche aggiunto di non avere dubbi sul fatto che Don Fusta, conoscendo i coniugi, avesse capito di chi si stava parlando.

Al religioso (assistito dall’avvocato Alessandro Vignola) viene appunto contestato di aver consigliato alla madre di una presunta vittima di abusi di non sporgere denuncia alle autorità. I fatti presi in esame risalgono al 2006: al centro dell’episodio c’era una ragazzina dodicenne che, secondo l’accusa, venne palpeggiata da un sessantenne loanese, amico della famiglia, che si era detto disponibile a far compagnia alla piccola a letto con l’influenza (un procedimento che, lo scorso 22 ottobre, si era concluso con l’assoluzione dell’imputato “perché il fatto non sussiste”).

Non è da escludere che alla luce dell’esito del processo “madre” (quello per la violenza sessuale) anche le accuse di favoreggiamento nei confronti di Don Fusta, al quale viene appunto contestato di aver “consigliato” alla mamma della piccola di non denunciare le presunte molestie subite dalla bimba, possano cadere. Con l’assoluzione dell’uomo accusato di pedofilia, di fatto, verrebbe infatti a mancare anche il presupposto del reato di favoreggiamento: se gli abusi non ci sono stati, di conseguenza, nessuno può averli “favoriti”.

Per saperlo bisognerà comunque attendere la fine dell’istruttoria dibattimentale che proseguirà con l’audizione dei testimoni della difesa il prossimo 15 aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.