IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Stella: inaugurazione della quarta torre del parco eolico foto

Stella. Una torre da 800 kW si aggiunge alle altre tre di pari potenza in funzione dal 2007 nel territorio del Comune savonese di Stella. Il parco eolico “Cinque stelle”, il primo costruito da FERA in Liguria, raggiunge così una potenza nominale di 3,2 MW.

Sabato 18 giugno, alle 11,30, alla presenza del presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, sarà inaugurato questo nuovo “pezzo” di parco. Un progetto reso possibile dalla ventosità particolarmente favorevole del sito e dal consenso che la popolazione ha dimostrato nei confronti di questo impianto, ormai avvertito come parte integrante del territorio e inserito armonicamente nel tessuto locale. Dal 2007 a oggi, il parco eolico “Cinque stelle” ha prodotto circa 24.000 MWh di energia pulita, evitando l’emissione in atmosfera di oltre 15.000 tonnellate di CO2 e il consumo di 17.000 barili di petrolio, con un risparmio per la bilancia economica nazionale di oltre 1,3 milioni di euro. Nell’arco della sua vita, il parco eviterà l’importazione di una superpetroliera da 200.000 tonnellate e l’emissione di 150.000 tonnellate di CO2.

Meta di numerose visite guidate (2000 studenti dal 2008 a oggi), “Cinque stelle” è, per l’entroterra ligure, una continua opportunità di valorizzazione. La visita al parco è affidata a Cooperative scelte e formate da FERA che operano soprattutto con le giovani generazioni, allo scopo di sfruttare le potenzialità educative dell’installazione. Ma ampio e riconosciuto è il gradimento dei turisti “ecosostenibili” che salgono all’area delle torri eoliche lungo l’apposito percorso allestito da FERA con l’ausilio di pannelli didattici dedicati all’avifauna, alla flora e alla tecnologia eolica. Stella, grazie al parco eolico , è stata insignita di numerosi premi nazionali: il premio PIMBY (Please In My Back Yard) e il Klimaenergy Award la eleggono a esempio per l’armonizzazione di infrastrutture e tutela ambientale. Ma, quello che più conta, con la quarta torre, Stella non solo è energeticamente autosufficiente, ma inizia a contribuire alla produzione di energia pulita da destinare al consumo industriale nazionale.

Un modello di impianto che si inserisce nel territorio valorizzandolo, così come accaduto a Tocco da Casauria (Pescara), dove il parco eolico costruito da FERA è balzato agli onori della prima pagina del New York Times lo scorso 29 settembre 2010 (“Ancient Italian Town Has Wind at Its Back”, di Elisabeth Rosenthal). Saranno presenti all’inaugurazione di sabato il Presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, l’Assessore Renata Briano, il Presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza e il Sindaco di Stella, Marina Lombardi. Parteciperanno anche il Direttore di Muvita Fondazione, Marco Castagna, e Edoardo Zanchini, Responsabile Nazionale Energia di Legambiente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    Non ci vogliono soltanto pale eoliche….il fotovoltaico, il geotermico, il risparmio energetico, sono in attesa di rilancio.
    E’ necessario un nuovo “piano energia”che metta a frutto tutte le nuove tecnologie.
    Si può dar lavoro e ridurre l’inquinamento che ci avvelena.

  2. Scritto da Socrate

    In Germania (che sono un po’ più avanti di noi), i produttori di rinnovabili hanno chiesto di ridurre gli incentivi per alleggerire le bollette, dato che ormai possono andare avanti da soli.
    Vorrei vedere quanto prende TP da fondi europei, regionali e provinciali per le verie “iniziative” che fa… e quanto costano a noi di costi sociali, malattie ecc. gli stipendi die manager e i deividendi dei soci di TP.
    Meglio pagare con la bolletta che con la vita!

    Come già detto prima TP rispetti i patti fatti quando ancora era sindaco Peluffo e poi semmai se ne riparla. Son buoni tutti a contare musse, prendere soldi e seminare malattie pagando anche gente che scriva sui forum.

    Chissà perchè io non credo ai bugiardi… sarò strano….

  3. Scritto da freeholly9

    se pure l’eolico non và bene ragà chiudetevi in casa e aspettate di crepare di cancro ai polmoni

  4. sampei29
    Scritto da sampei29

    Preferisco che i miei soldi vadano in pale eoliche piuttosto ai petrolieri o in inceneritori!

  5. james bond
    Scritto da james bond

    …smentitemi se potete ma credo che sarebbero necessarie 5.000 pale come quelle di stella per produrre l’energia prodotta Attualmente dalla centrale di Vado Ligure…
    Energia prodotta da 3 pale in 4 anni 24.000 mwh = 2.000 mwh l’anno per pala = 2 Gwh
    Energia prodotta dalla centrale di Vado nel 2010 = 10.228 Gwh

    Spero di esser smentito…ma sarebbe opportuno parlare del problema energetico con serietà e senza demagogia…