IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pietra, conversione dei cantieri Rodriquez: le caratteristiche del progetto (foto) foto

Pietra Ligure. Ancora nessuna indicazione sulla tempistica della trasformazione dell’area cantieristica navale pietrese. Il sindaco Luigi De Vincenzi ha reso noto di essere pronto per convocare la prima conferenza dei servizi in sede referente, ma finora non è ancora trapelato nulla di preciso. Dalla giunta comunale, tuttavia, è arrivata la conferma che la documentazione è stata raccolta ed è esaustiva per imprimere l’accelerazione amministrativa sul progetto.

I cantieri navali Rodriquez coprono una superficie di circa 46 mila metri quadri, dei quali più di 16 mila al coperto, a ponente della cittadina. Con la realizzazione del progetto, verrà restituita alla fruizione pubblica un’area pari a quella oggi occupata dal cantiere, dismesso da tre anni. Il progetto consiste nella riconversione urbanistica complessiva delle aree a terra e nella realizzazione di una darsena difesa da una diga di sopraflutto curvilinea e da una diga di sottoflutto.

Ben più ampia, rispetto al perimetro dei capannoni, l’area complessiva dell’intervento, pari ad oltre 160 mila metri quadri, quasi un terzo dei quali di specchio acqueo. La difesa dello specchio acqueo dal moto ondoso esterno sarà assicurata dalla realizzazione di una diga di sopraflutto quasi parallela alla costa, di lunghezza complessiva di circa 750 metri.

L’ipotesi progettuale prevede: la costruzione di un nuovo fabbricato per il cantiere nautico, adeguato alle nuove esigenze di riconversione produttiva; la realizzazione di un porticciolo turistico per circa 100 posti barca di diversa lunghezza e di una darsena in prosecuzione dell’attuale passeggiata a mare, destinata alla nautica da diporto e perimetrata da nuovi volumi a destinazione mista (residenza, albergo, ristoranti, pubblici esercizi, attività commerciali, connettivo urbano) e dall’attuale fabbricato uffici, recuperato con destinazione commerciale a piano terreno e residenziale per i restanti piani; il riuso a servizi pubblici e a funzioni collettive dell’attuale fabbricato che ospita la mensa all’apice dell’attuale passeggiata a mare di Pietra Ligure; la realizzazione di una zona prevalentemente residenziale nell’area degli attuali capannoni officine; la realizzazione di ampie dotazioni di verde pubblico, di parcheggi pubblici e privati, e di percorsi e aree pedonali.

L’impegno finanziario presuppone un investimento di oltre 103 milioni di euro, divisi in 79 milioni per le opere a terra e 24 per le opere a mare. Il piano industriale elaborato con le parti sociali include il riassorbimento delle professionalità attualmente in forza al cantiere e prevede (a regime) l’impiego di 25-30 unità, oltre a ditte esterne in funzione dei volumi produttivi. Le principali attività previste consistono in allestimento nonché manutenzione yacht, gestione del Marina, riparazione e refitting.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da prettydog53

    secondo me finalmente dopo decenni quest’area sarà trasformata, abbattendo i veri ecomostri che sono gli attuali capannoni che cubano molto più dei prossimi appartamenti e alberghi.
    però anche a me non piace questa sottospecie di porticciolo turistico, di cui non si sentiva il bisogno (a meno che non fosse pubblico, come quello di finale).

    per farlo, devono fare una diga che sarà talmente grande e alta che per almeno duecento metri (fino da max, per intenderci) la gallinara e l’orizzonte non si vedranno più, ma si vedrà solo l’ingresso del porto.

    quando coloro che abitano ai primi piani del lungomare o che hanno negozi e spiagge se ne renderanno conto, scenderanno in piazza.

  2. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    Re Art: No non è così. Credimi. Di questo progetto, che non conosco e che non è possibile giudicare da quelche foto di un articolo… vorrei capire cosa diavolo sono quelle costruzioni frontali a 4 o cinque piani come pare.. Non sarei certo un sostenitore dell colate di cemento e quello che ho espresso sull’orrore del porto di Loano non puo’ che far presagire la mia opinione anche per Pietra se le cose stessero realmente cosi’. La cosa fondamentale è che LA COLLETTIVITA ne abbia benefici, PRIMA DI QUALSIASI LOBBY ( cemento, spiagge, ricettivo& friend…).

  3. re artu
    Scritto da re artu

    Caro sig. corsaronero purtroppo il suo ultimo commento e’ tremendamente vero, mamma mia come siamo caduti in basso . Riguardo alla conversione del cantiere, ma questo e’ solo il mio modestissimo parere , sarebbe bello fare qualcosa di simile a Varazze porto, casette basse ,molti negozi ,e tanto verde e parcheggi . Riguardo ai commenti ,come al solito si butta tutto in politica il sig hi-tech che qualsiasi cosa faccia o dica Luigino e’ oro colato e gli altri chi piu’ e chi meno gli danno contro . Si dovrebbe essere obiettivi e’ vero che l’attuale amministrazione a stravinto alle scorse votazioni , ma non vuol dire che abbiano sempre ragione buona serata a tutti Arturo R P.S. COMUNQUE IL DISEGNO E’ BELLO

  4. corsaronero
    Scritto da corsaronero

    Ah! poliedrik “ti me mancavi….”
    Pensa che tra qualche anno l’unico a parlare in dialetto a Pietra sarai tu. Nel centro storico oramai si sentono parlare tutte le lingue dall’arabo all’albanese meno che il ligure, nelle nuove zone residenziali invece solo milanese e bergamasco.
    Tieni duro.

  5. Scritto da poliedrik

    A mi u me pa’ che in te stu prugettu u ghe sejje quarcosa de troppu! … a riferiscu ai palassi in riva au ‘ma… chi me paen troppu aati. Cuss’i sun? Aparatamenti, residens o cusse atru? Invecce de fa di residens u sajeva mejju fa di alberghi se proppriu u besoegna fàane… anche se ppemmì li u sajeva mejju lasciaghe cciànellu cun di giardin, de’ banche pessetase, quarche belinata pe’ì matetti, e cose che a gente da pria a poessa usufuine! invecce a l’ho u senture che quelli da Priia se troeviaan fooea da st’area…. Residence: ma checcassu sun sti ressidens? …’na scusa pe’ puei doppo trasfurmali in apartamenti?