IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Suprematista arrestato a Savona, Pci: “Basta col nazifascismo. Sbandati, esaltati e borderline” fotogallery

"La tutela di libertà e minoranze, il senso di giustizia e democrazia sono in pericolo: non vederlo vuol dire vivere col paraocchi"

Savona. “La vicenda del giovane ventiduenne di Savona arrestato nell’ambito di un’operazione antiterrorismo condotta dalla polizia di Stato in ambienti della destra radicale contigui al terrorismo di matrice suprematista che coinvolge anche altre persone nel Genovese ed in altre regioni, non può essere sottovalutata. È l’ennesima storia di sbandati, esaltati, soggetti borderline spesso e volentieri in contatto con i gruppi neofascisti e neonazisti più in vista, con ex criminali più o meno riciclati. Un mondo che vive a ricasco di squadrismo ed ignoranza, marginalità sociale e mitomania”. Così la Federazione della Liguria del Partito Comunista commenta l’arresto di ieri a Savona del 22enne Andrea Cavalleri, accurato di terrorismo e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale aggravata dal negazionismo.

Arrestato 22enne savonese, accusato di terrorismo

“Inchieste del genere sono state molte, troppe, e si ripetono con una frequenza incredibile nel Paese – fa notare il Pci – La ripresa della violenza nazifascista è sotto gli occhi di tutti; purtroppo intorno ad essa continuiamo ad assistere a colpevoli sottovalutazioni in un clima di quotidiano sdoganamento del fascismo, figlio delle continue, imbarazzanti permissioni e dichiarazioni di amministratori locali e politicanti che non perdono occasione per sobillare odio, razzismo e violenza verbale. Ora basta! Ogni ulteriore sottovalutazione potrebbe sarebbe fatale”.

“Per troppo tempo questa roba è stata tollerata, derubricata, minimizzata – accusano dal partito – L’antifascismo militante è più che mai necessario. Lo è in ragione di valori sempre attuali e, oggi, più attuali che mai come il rispetto degli altri a prescindere dall’etnia, dalla cultura e dalla religione, la tutela delle libertà fondamentali, la condanna della violenza, il contrasto al razzismo, alla sopraffazione, all’oppressione. Sembrano cose scontate, ma non lo sono. Antifascismo, oggi più che mai, significa tutela delle libertà, delle minoranze, senso di giustizia e Democrazia. Questi valori sono in pericolo e non vederlo o non capirlo vuol dire vivere col paraocchi”.

“Queste vicende devono essere condannate con la fermezza e la chiarezza dovute ad aggressioni ed a chiare intenzioni di violenze neofasciste, antisemite, razziste, e xenofobe che si stanno, purtroppo, verificando in tutta Italia, senza contare le cronache che raccolgono ormai decine di gesti simbolici violenti. Occorre reagire, richiedere quanto prima e sostenere un’azione investigativa che faccia piena luce su questi avvenimenti, sulle organizzazioni coinvolte e su questi vili attacchi che non devono e non possono rimanere impuniti. Nel contempo è assolutamente necessario rafforzare con determinazione l’azione antifascista con un lavoro condiviso, anche di matrice culturale, con chi, senza ambiguità, come il Partito Comunista Italiano, fa dell’antifascismo un valore imprescindibile” concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.