Caos autostrade, gli albergatori savonesi: "Nessuna risposta sulla diffida legale, pronti alla causa civile" - IVG.it
Rispetto!

Caos autostrade, gli albergatori savonesi: “Nessuna risposta sulla diffida legale, pronti alla causa civile” video

Il turismo savonese si unisce alla protesta e conferma dura battaglia sul risarcimento da 6 mln di euro

Liguria. Gli albergatori savonesi in prima linea nella protesta sul caos autostrade e il pesante gap infrastrutturale ligure, unendosi alla manifestazione genovese del comitato Salviamo la Liguria nel giorno del corteo dei tir per la visita a Genova del ministro Paola De Micheli.

Dopo la presentazione di una diffida legale con la richiesta danni pari a 6 mln di euro, gli operatori turistici savonesi continuano la loro battaglia in questa estate 2020: “Non ce la facciamo più, siamo stati umiliati… I cantieri e il blocco delle autostrade, associati all’emergenza Covid, hanno provocato una perdita del 70% del fatturato delle imprese turistiche, continuiamo a subire disdette e mancati arrivi nel pieno della stagione, siamo di fronte ad un crollo del 50% delle presenze” afferma il presidente provinciale Upa – Unione provinciale albergatori – Angelo Berlangieri.

“Non vogliamo più subire questa situazione… Chiediamo e pretendiamo rispetto da chi ci governa“. 

“Fino ad ora non abbiamo avuto risposte sulla nostra diffida legale, quindi andremo avanti determinati rispetto alle nostre richieste: siamo pronti ad andare in Tribunale, siamo pronti al processo e alla causa civile con la richiesta di risarcimento” rincara Berlangieri.

“Non accettiamo sentir parlare solo di sicurezza, che la sicurezza delle autostrade è prioritaria: certo, è importante e fondamentale, ma serviva un’altra programmazione. Ci siamo anche noi, esiste una mobilità per il territorio da garantire, merci e persone, e turisti chiaramente… Ma a questo non si è pensato ed ecco che ora tante aziende e tanti lavoratori sono a rischio” conclude il presidente Upa.

“Una cosa del genere non l’avevamo mai vissuta – afferma Mario Tidona, 66 anni, uno dei camionisti in corteo – raccontando le difficoltà di ciò che sta vivendo la categoria di questi tempi”. I mezzi, che si sono mossi a passo di lumaca, sono stati scortati dalla polizia locale e hanno suonato i clacson, ricevendo anche la solidarietà di altri automobilisti.

“Il lavoro per noi dipendenti – racconta Mario – si è ridotto, siamo amareggiati alla luce del fatto che alcune compagnie hanno deciso di non scalare più il porto di Genova alla luce delle difficoltà”.

Ore di guida, ore di impegno per non rimanere inchiodati di notte sull’autostrada, Mario, che fa il camionista da 40 anni, racconta: “Per evitare 10-15 km di coda spesso ho percorso il tratto da Novi Ligure a Masone con 30 tonnellate di carico. Occorre molta prudenza, cercare di andare piano”.

Stress e ore di lavoro filate, con i camionisti che spesso sono costretti a dormire forzatamente in autostrada, con la scarsità di piazzole disponibili: “Noi possiamo fare al massimo 13 ore, due volte a settimana 15 e le sfruttiamo tutte. A volte da Ovada a Pra’ impieghiamo due ore e mezza”.

Alle 14.30 in Prefettura è previsto l’incontro tra il comitato e la ministra. Le associazioni chiedono risposte alle richieste già presentate: risarcimento dei danni (quantificati in un miliardo al mese per tutte le categorie rappresentate), nuove leggi per regolare le ispezioni sulla rete autostradale e il riconoscimento della mancata continuità territoriale alla Liguria, perché possa beneficiare degli stessi contributi speciali riservati alle isole.

LA PROTESTA:

leggi anche
  • Dati
    Turismo nell’era Covid, il savonese traina la risalita in Liguria: dimezzata la perdita di presenze
    Generica
  • Diffida
    Il turismo savonese chiede 6 mln di danni ad Autostrade: “Umiliati, non meritavamo questo incubo”
    albergatori balneari autostrade
  • Trend
    Turismo, gli hotel della Riviera savonese favorevoli al Bonus Vacanze: 3 strutture su 4 lo accettano
    Famiglia vacanza generica
  • Successo
    Patto per il Turismo: oltre 1400 assunzioni in venti giorni, domande per oltre 4 milioni
    Sedi istituzionali e palazzi del governo
  • Ora basta
    Infrastrutture, Mulé (FI): “La Liguria è isolata, non si può andare avanti così”
    mule Forza Italia
  • Fumata nera
    Caos autostrade, gli industriali liguri: “Secondo la ministra De Micheli ci siamo inventati tutto”
    Generica
  • Sicurezza
    Caos autostrade, altri disagi alla circolazione in autunno: tutte le gallerie sono da rivestire con le onduline
    Generica

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.