IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Provincia, la sala al piano terra di Palazzo Nervi intitolata alle Vittime di Nassiriya

Lo ha deciso il primo consiglio provinciale presieduto dal neo presidente Pierangelo Olivieri

Savona. La Provincia di Savona onora i caduti di Nassiriya. Come già anticipato dal neo presidente Pierangelo Olivieri in occasione delle celebrazioni del 4 novembre, oggi pomeriggio il consiglio provinciale ha deliberato l’intitolazione della sala al piano terra di Palazzo Nervi ai martiri di Nassiriya.

Ricordano da Palazzo Nervi: “Il 12 novembre 2003 un’autocisterna, forzando l’ingresso della base Maestrale di Nassiriya in Iraq, una delle due sedi dell’Operazione Antica Babilonia presidiata dai carabinieri italiani, esplose all’interno facendo crollare gran parte dell’edificio principale e danneggiando la sede del comando italiano. Ventotto vite vennero spezzate quelle di nove iracheni e di diciannove italiani: dodici carabinieri, cinque militari dell’esercito e due civili, un cooperatore internazionale e un regista”.

“Oggi il consiglio provinciale ha accolto la mia proposta di celebrare il ricordo dei caduti nella strage di Nassiriya del 12 novembre 2003 intitolando la Sala sita al piano terra di Palazzo Nervi. Un atto dovuto nella giornata del quindicesimo anniversario della strage, dove uomini, militari e civili, hanno sacrificato la loro vita in una missione internazionale per la pace”, ha dichiarato il presidente della Provincia di Savona Pierangelo Olivieri.

“Una targa dedicata alla memoria di diciannove Italiani simbolo di impegno, coraggio e dedizione ai valori della libertà, un ricordo e un omaggio alle loro famiglie. Nassiriya fu una tragedia immane, il più grave attacco subito dall’esercito italiano dalla fine della Seconda guerra mondiale, per questo motivo ritengo, quindi, doveroso intitolare una sala della Provincia ai nostri connazionali che nell’adempiere alla missione di salvare vite e garantire la pace si sono immolati per la patria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.