Albenga, grazie ai fondi del Ministero in arrivo il Museo Archeologico Subacqueo a Palazzo Cepolla - IVG.it
Svolta

Albenga, grazie ai fondi del Ministero in arrivo il Museo Archeologico Subacqueo a Palazzo Cepolla

Cangiano: "Diventerà un riferimento nazionale e internazionale per l’archeologia subacquea"

Albenga. Dopo l’ottenimento di 10 milioni di euro per la realizzazione del Polo Scolastico (unico progetto finanziato nell’area del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta), la città di Albenga beneficerà di un nuovo importante finanziamento dal Governo. Il Ministero dei Beni Culturali, infatti, come anticipato da Ivg.it, ha concesso un finanziamento di 1,2 milioni di euro per interventi di ristrutturazione del Palazzo Peloso Cepolla, per la realizzazione del Museo Archeologico Subacqueo e per altre aree archeologiche.

“Quando ieri mi ha telefonato l’onorevole Franco Vazio, che ringrazio per aver seguito con impegno questa ed altre richieste fondamentali per lo sviluppo della città, per comunicarmi la bellissima notizia, ero raggiante. Si tratta infatti di una possibilità eccezionale perché consentirà non solo di restaurare un magnifico palazzo storico della città, ma anche di raggiungere un traguardo decisivo in termini di offerta turistico culturale per Albenga”, ha affermato con soddisfazione il sindaco Giorgio Cangiano.

“Il finanziamento è stato richiesto direttamente dal soprintendente Vincenzo Tinè, al quale desidero rivolgere un grande ringraziamento,  con l’importante collaborazione dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri che da sempre ha a cuore la tutela e lo sviluppo culturale della città di Albenga”.

“Come previsto nei tavoli tecnici svolti presso la Soprintendenza di Genova: a Palazzo Oddo sarà ospitato il Museo della Città, mentre a palazzo Peloso Cepolla, proprio perché l’archeologia subacquea è nata ad Albenga grazie alle straordinarie scoperte di Nino Lamboglia, sorgerà un Museo Archeologico Subacqueo che diventerà riferimento nazionale e internazionale per l’archeologia subacquea”.

“Nel Museo potranno essere ammirati reperti unici e verranno effettuate ricostruzioni multimediali; sarà inoltre previsto lo svolgimento di  corsi universitari  di approfondimento e vi sarà la possibilità di effettuare immersioni sui relitti. Questo nuovo traguardo permetterà ad Albenga uno sviluppo importante ed avrà ricadute molto positive per le attività ricettive e commerciali della città”, ha concluso il primo cittadino.

leggi anche
  • Querelle
    Albenga, diatriba Ciangherotti-Costa. Interviene la Soprintendenza: “Nessun reperto trafugato da palazzo Cepolla”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.