IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiude l’area di servizio Tamoil di Savona, Vesco: “Una vergogna, il colosso Autostrade deve intervenire” foto

Savona. I manifesti gridano alla vergogna per una chiusura definita assurda da molte parti. E lo stesso fa l’assessore regionale Enrico Vesco, partito da La Spezia alla volta dell’area servizio San Cristoforo Sud, tra Savona e Albisola, per portare il proprio conforto alle 12 famiglie che vedono sfumare il proprio futuro con la scomparsa di questo spicchio di autostrada in cui lavoravano fino a poche ore fa.

area servizio san cristoforo sud savona

“Questa decisione mi stupisce – esordisce Vesco – Avevamo convocato tutti gli attori di questa partita in Provincia un mese fa e Autostrade per l’Italia ci aveva assicurato che, nonostante le difficoltà economiche, questo servizio sarebbe stato garantito agli utenti”.

“Oggi, 31 dicembre, tutti cerchiamo di festeggiare ma è difficile pensando a 12 famiglie senza lavoro – continua l’assessore regionale – Penso che questi striscioni che gridano alla vergogna siano giustificati. Chideremo ad Autostrade di farsi carico di questa vicenda. Si tratta peraltro uno dei servizi più cari di questo Paese e d’Europa, che tartassa i fuitori con continui aumenti, dunque non si capisce perché non possa garantire la funzionalità a questo esercizio, almeno trovando un nuovo gestore che prosegua il servizio con gli stessi lavoratori. Si può agire in due direzioni: o aumentando la visibilità dell’area o riducendo il canone affitto. Non dovrebbe essere un problema per Autostrade che è un colosso e fa profitti tutti gli anni”.

Questa è la prima area di servizio in Italia a chiudere sotto gli effetti della crisi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    per rilanciare l’economia basta poco ….
    .
    se ogni cittadino ‘che paga le gabelle’ avesse la certezza di non dover sottostare ad alcun pagamento allo Stato ….. se risulta che nulla resta tra quanto ha incassato e quanto ha speso regolarmente ……
    beh .. con questa certezza rimetterebbe in circolo ogni risparmio … creando lavoro onesto ……
    .
    và poi eliminata ogni tassa sulle proprietà (possesso tv, auto, moto, casa ….) si paga quando si acquista … se non basta si aumenti “quella tassa” per evitare chela gente si impegni in spese folli che non sarà in grado di sostenere …. ma poi basta
    .
    e si paghino i servizi di cui si ha necessità ….. non le troppe funzioni inutili inventate dalle varie amministrazioni …. se una amministrazione non realizza nulla che interessi gli amministrati …… chiuda ……
    .
    e sopratutto bisogna porre un limite invalicabile al coacervo massimo che si può ottenere dalle casse pubbliche …. se un individuo ritiene opportuno porre il suo posteriore su innumerevoli poltrone ….. che offrono una retribuzione … (anche un solo gettone presenza) … tutte queste cifre devono uscire da una sola cassa …. che taglia ciò che eccede il massimo incassabile ……
    .
    così si ottiene che i troppi personaggi non validi … alla ricerca di uno strapagato impegno pubblico …. optino per un impegno nel privato …. che ….. se non rende … chiude.

  2. Scritto da GM

    Il solito politico… Parla parla parla… ma alla fine non dice niente. Vai a lavorare!!!!!

  3. Lele
    Scritto da Lele

    Con quello che ” ruba ” in regione , potrebbe comprarla Lui , l’area di servizio