IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Reefer, aumenta il traffico di banane a Vado: a giugno il nuovo terminal di Sète foto

Vado Ligure. Sarà inaugurato a metà giugno il porto di Sète, nuovo hub logistico per il Mediterraneo individuato nel moderno terminal realizzato dal Gruppo Orsero. Nello scalo francese saranno trasferiti i traffici Reefer di Agrexco Agricultural Export, il maggiore operatore di Israele per quanto riguarda l’export di prodotti ortofrutticoli.

A Vado Ligure presso il Reefer Terminal sempre gestito da Orsero, la compagnia di navigazione Carmel, emanazione di Agrexco, aveva già trasferito i traffici di merce deperibile dallo storico hub di Marsiglia, a causa di un mancato accordo economico tra Agrexco e gli operatori portuali francesi in attesa che venisse realizzato da parte di GF Group il terminal di Sète.

In questi anni il traffico merce del gruppo Agrexco è stato di circa 150 mila pallet all’anno, oltre la movimentazione dei contenitori. Si stima che la stessa quantità verrà trasferita a Sète oltre ad eventuali traffici che la compagnia potrebbe acquisire nel corso degli anni.

Reefer Terminal comunque continua a mantenersi attiva e non pare che i volumi di traffico merci sulla frutta siano destinare a diminuire, nonostante la flessione del comparto nei primi mesi del 2011, dovuta al ridimensionamento dei traffici originati dal Nord Africa per i conflitti che hanno investito i Paesi affacciati sul Mediterraneo.

Dopo l’acquisizione del traffico Zespri, di due anni fa, con la riconferma di Chiquita, è dell’ultima ora la notizia dell’acquisizione del traffico di banane di Sea Trade, il più grosso armatore e gestore di navi Reefer al mondo. Nei prossimi giorni la destinazione della frutta non sarà più Genova, ma l’attracco vadese. Al porto di Vado giungerà circa una nave alla settimana che trasporta banane e ananas. Sarà un traffico continuativo fino a fine anno sia in stiva che container. Resta invece da capire se verrà confermata la collaborazione fra il gruppo Orsero e la multinazionale Delmonte.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Resist

    @folgore
    non so che gusto ci provi a far arrabbiare centinaia di produttori agricoli…gli studenti dell’ Ist. di Agraria e tutti quelli che cercano di valorizzare i prodotti locali.
    La tradizione agricola savonese affonda le radici su personaggi come Giorgio Gallesio….ringraziato addirittura da Darwin per i suoi studi di botanica.
    Certo non abbiamo le distese della Val Padana …ma ovviamente noi puntiamo sulla qualità.

  2. folgore
    Scritto da folgore

    @Resist
    si perchè la Liguria si presta molto all’agricoltura ha ampi spazi per enormi terreni e latifondi, niente montagne, un clima a partire dalla Valbormida (neanche 20km dal mare T invernali di -16°) mite in ogni stagione dell’anno, tutto perfetto per gli agricoltori!
    Per non parlare poi della quantità enorme di persone che non vede l’ora di buttarsi nell’agricoltura, lo dimostrano i manovali dell’albenganese tutti LIGURI DOC!

  3. Scritto da Resist

    Il consumo del territorio per coltivare….SECONDE CASE… è continuo e disastroso perchè conviene a chi vuol speculare con il guadagno facile, ma una volta distrutto l’ambiente e la nostra agricoltura, cosa mangeremo???

  4. folgore
    Scritto da folgore

    @hi-tech,ottimo il tuo tentativo di depistaggio, peccato che i cetrioli vengono dalla tua amata rispettosa ambientalista e biologica Germania, dove ci hanno messo 15 giorni a capire che il batterio era nei germogli di soia, ottima rintracciabilità complimenti!Per i fitofarmaci non serve che vai tanto distante, le tracce sono state ritrovate pure nelle colture italiche senza contare chein campania si annaffia la verdura con le acque del Sarno ovvero il fiume pià inquinato d’Europa.Poi se non ti fosse chiaro l’italiano non ho detto che mangio le fragole a natale anzi sono contrario a queste cose, mangio le mie in stagione, semplicemnte dico che INTEGRO le mele italiane in inverno con gli ananas che qui non crescono o con i datteria natale, senza il cui commercio i tuoi amici tunisini sarebbero ancora più in crisi, ma che ne sai tu che i soldi li trovi scrollando gli alberi senza fare nessuna fatica?!

  5. hi-tech
    Scritto da hi-tech

    …AH!…dimenticavo: ci sarebbero anche i cetrioli spagnoli..:-)