IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, un progetto antimafia del Falcone selezionato per rappresentare il nord Italia a Palermo

E' il lavoro di analisi sulla percezione del fenomeno mafioso di Manuel Cucca

Loano. Venerdì 28 aprile Manuel Cucca della classe 5B Cat dell’istituto “Falcone” di Loano presenterà al Teatro Biondo di Palermo, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del ministro Valeria Fedeli, del presidente della commissione antimafia Rosy Bindi e delle autorità civili e militari della Sicilia, il proprio lavoro di analisi sulla percezione del fenomeno mafioso.

La manifestazione è organizzata nella ricorrenza del 35^ anniversario dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo e rappresenta anche la conclusione del progetto educativo antimafia dell’anno scolastico 2016-17, cui hanno partecipato numerose scuole di tutta Italia: all’istituto Falcone il compito di rappresentare tutte le scuole del Nord. A Manuel Cucca, in virtù della sua originale analisi ritenuta meritevole e di significativo interesse, è toccato l’ambito onore di essere uno dei tre studenti relatori, rispettivamente del nord, del centro e del sud, di questa importante giornata di educazione alla legalità

Spiegano dall’istituto loanese: “Siamo orgogliosi di questo risultato. Il lavoro svolto dai docenti e dagli allievi del progetto Legalità ci ha fatto ottenere anche negli scorsi anni riconoscimenti importanti che dimostrano la qualità dell’azione didattica. In particolare le videoconferenze del Centro Pio La Torre sono un appuntamento consueto e il punto di partenza di una collaborazione che ci offre spunti preziosi. Gli studenti hanno l’opportunità di approfondire la conoscenza della storia del nostro paese attraverso testimonianze e documenti, di sviluppare competenze civiche, diventare più consapevoli delle dinamiche e dei fenomeni socioeconomici che portano all’affermazione dell’illegalità nei territori. In questo modo divengono cittadini più consapevoli e maturano un atteggiamento positivo, partecipativo e fiducioso nella possibilità di costruire un futuro libero dalla mafie.”.

Il dirigente scolastico Ivana Mandraccia aggiunge: “ Mi congratulo con l’allievo e con i docenti del progetto, in particolare la vicepreside professoressa Sandra Perata, madrina del progetto Legalità, che parteciperà alla cerimonia di Palermo con Manuel, il professor Fulvio Baldoino che segue la redazione del giornalino della legalità ‘Il Giovannino’, la professoressa Rosangela Panuccio che ha fornito la sua collaborazione in qualità di docente di italiano, ancora le professoresse Marida Canepa e Antonella Tosi, che si occupano rispettivamente del laboratorio teatrale e dell’attività ‘L’avvocato in classe’. Il, progetto è frutto di un lavoro di squadra, sviluppato con impegno e convinzione, che merita di essere sostenuto e valorizzato.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.