IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tovo, al via la Festa di Sant’Eligio con la riapertura della cappella

Più informazioni su

Tovo. Sabato 21 giugno alle 20,30, a Tovo San Giacomo, si terrà la Festa di Sant’Eligio con la riapertura, dopo i lavori di risanamento e restauro, dell’omonima cappella, edificio risalente al 1645, che sorge nel cuore della Val Maremola.

Nell’occasione il piazzale antistante la chiesetta verrà intitolato a don Giovanni Losa, parroco di Tovo dal 1995 al 2009, scomparso a luglio 2013, a cui si deve l’avvio dei lavori di recupero del piccolo santuario.

L’ultima parte di questi lavori è stata resa possibile dal notevole apporto di volontariato locale che, intorno al gruppo degli “Amici di Sant’Eligio”, coordinati dalla parrocchia di San Giacomo, ha svolto le attività necessarie all’ultimazione dell’intervento, scaturito anche dalla segnalazione del Fai (Fondo Ambiente Italiano) che aveva censito la chiesetta fra i “Luoghi del Cuore” meritevoli di essere di nuovo visibili ed aperti.

Lo scorso 12 ottobre il Comune di Tovo San Giacomo d’intesa con la Parrocchia aveva organizzato una 1^ Giornata del Volontariato Civico, che si era svolta proprio a Sant’Eligio e che è proseguita nel tempo sino alla sistemazione definitiva.

L’Amministrazione Comunale, proprio per il legame di don Giovanni con questo monumento, ha scelto di intitolare il piazzale in ricordo di questo sacerdote, giunto a Tovo non più giovanissimo, ma che con grande energia e tenacia ha lasciato un segno forte in tutta la comunità.

E’ prevista la Santa Messa alle 20,30 ed al termine, intorno alle 21,15, si terrà una semplice cerimonia di scoprimento della targa ricordo di don Losa a cui seguirà il rinfresco offerto dalla Pro Loco di Tovo San Giacomo che, tramite l’impegno di parecchi soci, ha collaborato ai lavori.

Spiega il vicesindaco Fabrizio Vignati, che insieme al gruppo di “Amici di Sant’Eligio” ha attivato e promosso l’iniziativa: “Tutto questo è un esempio di quello che si può realizzare facendo leva sull’entusiasmo e sulla collaborazione: i volontari sono stati tanti e molti di questi sono stati animati nel raggiungere questo obiettivo proprio dal ricordo di don Giovanni Losa che fu il primo ad aver promosso il recupero della cappella di Sant’Eligio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.