IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Capacità giuridica fin dal concepimento: il plauso di Federvita Liguria

[thumb:11589:l]Liguria. “Ogni essere umano ha la capacità giuridica fin dal momento del concepimento”. Finalmente la proposta, presentata oggi al Senato, di modificare il Codice civile, che attribuisce capacità giuridica al momento della nascita, anticipandola al momento del concepimento, rappresenta certo il primo traguardo di una annosa battaglia che Federvita Liguria e i Centri di Aiuto alla Vita liguri da tempo portano avanti con passione, sensibilizzando l’opinione pubblica e scuotendo le coscienze dei parlamentari al Governo.

Infatti, il disegno di legge, firmato oggi dal presidente dei senatori del Pdl Gasparri e dai vicepresidenti Quagliarello e Bianconi, con oggetto la “Modifica all’articolo 1 del Codice Civile, in materia di riconoscimento della soggettività giuridica di ogni essere umano fin dal concepimento”, autentica per la prima volta, nel Parlamento italiano, la validità delle numerose ricerche scientifiche mondiali al riguardo e recepisce quanto, da anni, con una semplice ecografia risultava già evidente e ovvio per ogni donna impegnata in una gravidanza.

“Leggere le dichiarazioni dei radicali italiani, secondo i quali una tale proposta rappresenterebbe una deriva ideologica che prelude al carcere per chi si masturba, non solo è un’idiozia frutto di radicata ignoranza ma anche significa aver per troppo anni confuso il ‘fai da te’ con la relazione sessuale di coppia – afferma il presidente di Federvita Liguria Eraldo Ciangherotti -. Infatti, anche nel sussidiario a disposizione dei bimbi della scuola primaria il concepito possiede i requisiti per essere definito persona già solo nel patrimonio gentetico che lo rende unico sin dal concepimento, al contrario del semplice spermatozoo che resta un liquido biologico. Certo è che i radicali sarebbero già in galera se la masturbazione, quella mentale sì, fosse punita con la reclusione”, conclude Ciangherotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.