Dopo il pronunciamento Ema, AstraZeneca raccomandato sopra i 60 anni: ecco cosa cambierà in Liguria - IVG.it
Novità

Dopo il pronunciamento Ema, AstraZeneca raccomandato sopra i 60 anni: ecco cosa cambierà in Liguria

Attesa un'ordinanza del ministero della Salute, nessun rischio per chi deve fare la seconda dose

Liguria. “Considerando i dati sulla letalità (per coronavirus) che confermano che le vittime perlopiù sono anziani, l’idea anche per Italia è di raccomandare l’uso preferenziale oltre i 60 anni.

Non abbiamo elementi per scoraggiare la somministrazione della seconda dose”. Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del consiglio superiore di sanità, durante l’incontro Governo-Regioni tenutosi ieri sera a seguito del pronunciamento dell’Ema sul Vaccino Pfizer giunto nel pomeriggio.

Nelle prossime ore la raccomandazione di Aifa che stabilisce l’utilizzo del vaccino per persone con più di 60 anni verrà recepita con un’ordinanza del ministero della salute. La circolare arrivata dal ministero raccomanda “un uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni”, visto che nelle fasce di età più avanzate si riscontra un “basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da Covid-19“. Un’indicazione piuttosto netta, anche se non si tratta di un divieto esplicito per chi ha meno di 60 anni, che andrà comunque a impattare sul piano vaccinale.

“Anche noi ci adegueremo e dovremo cambiare la campagna di vaccinazione – ha spiegato in serata il presidente della Liguria Giovanni Toti – Immaginiamo di usare il vaccino AstraZeneca per primo nella fascia 60-69 anni che è una fascia ancora non prenotata e che nelle prossime ore potrà usare quel vaccino”. Finora il vaccino AstraZeneca veniva usato anche per le “categorie prioritarie” e i vulnerabili sotto i 70 anni, ma già nelle ultime ore la carenza di dosi aveva spinto a dirottare Pfizer e Moderna per tappare i buchi creati dagli ultimi tagli. A breve diventerà la norma, anche se si attendono indicazioni più chiare.

“Come presidenti di Regione – ha aggiunto Toti – abbiamo chiesto la massima chiarezza perché su AstraZeneca si è svolto un balletto poco rassicurante per i cittadini ed è comprensibile: prima sotto i 55, poi sotto i 65, quindi l’invenzione delle categorie prioritarie, ora sopra i 60. Diciamo che le informazioni arrivate ai cittadini non sono chiare e limpide. C’è bisogno di creare fiducia intorno a quel tipo di vaccino. Mi auguro non solo che il ministero emetta un’ordinanza, suffragata dai pareri di Aifa, Iss e Consiglio superiore di sanità, che spieghi a chi e perché va somministrato, ma ci dica anche quali sono davvero le categorie prioritarie perché è evidente che il cambiamento di utilizzo dei vaccini comporta anche un cambiamento del piano vaccinale, quindi qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di emettere un nuovo piano e questo può essere solamente il Governo”.

Non ci sono rischi generalizzati nella somministrazione del vaccino di Astrazeneca, quindi non abbiamo ritenuto necessario raccomandare misure specifiche per ridurre il rischio”. Così i responsabili dell’Ema in conferenza stampa. Il bugiardino sarà aggiornato. “Gli eventi rari” di trombosi cerebrale “sono effetti collaterali molto rari” del vaccino, “i benefici superano i rischi”. Inoltre, “non è stato mostrato un nesso con l’età” tra gli eventi rari di trombosi e il vaccino di AstraZeneca. “Finora la maggior parte dei casi segnalati si è verificata in donne di età inferiore a 60 anni entro 2 settimane dalla vaccinazione. Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati”.

leggi anche
  • Prospettiva
    Covid, Gelmini: “Chi vaccinerà di più riaprirà prima, speriamo tra aprile e maggio”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.