Contributi

Mareggiata 2018, nel savonese distribuiti circa 24 milioni di euro per 15 interventi

Il presidente Toti e l'assessore Giampedrone hanno presentato a Savona il piano di riparto 2021 delle risorse di protezione civile

Savona. E’ stato presentato questa mattina, nella sede della Provincia di Savona, dal presidente della Regione Liguria e commissario straordinario per l’emergenza maltempo dell’autunno 2018 Giovanni Toti, insieme all’assessore regionale alla protezione civile Giacomo Giampedrone il piano di riparto dei fondi di protezione civile per l’annualità 2021, relativo al territorio savonese, per complessivi 23.729.000. Le risorse sono destinate a 15 Comuni per altrettanti interventi di difesa del suolo.

“Con questo piano – spiega il presidente Toti – distribuiamo la terza ed ultima tranche di risorse previste dall’ordinanza di Protezione civile firmata dopo la terribile mareggiata e gli altri eventi alluvionali che colpirono la Liguria nell’ottobre di tre anni fa. La realizzazione di questo complesso programma di interventi, che ha coinvolto in modo capillare tutto il territorio, dimostra l’efficacia e l’efficienza del sistema di protezione civile della Liguria che ha saputo garantire investimenti nei tre anni per più di 300 milioni di euro, oltre ai risarcimenti per privati e attività produttive. A gennaio 2020, a poco più di un anno dalla mareggiata, avevamo già liquidato tutte le somme urgenze e avviato i lavori per il ripristino dei danni. L’anno scorso abbiamo investito ulteriori risorse che sono servite, per la prima volta in Italia, anche ad aumentare il livello di ‘resilienza’ dei territori e dei luoghi danneggiati. Con quest’ultima tranche di risorse proseguiremo il lavoro avviato in questa direzione, con particolare attenzione al completamento degli interventi iniziati nel 2020, alle opere di difesa a mare e alla strategia regionale legata alla riduzione del rischio idrogeologico, fulcro del programma di questo terzo anno di lavori”.

“Abbiamo fatto un lavoro davvero straordinario – aggiunge l’assessore Giampedrone – che è stato possibile, nonostante i tempi stretti per l’apertura dei cantieri di anno in anno programmati, grazie al continuo dialogo e confronto con tutti i sindaci e gli enti locali interessati per spiegare nel dettaglio le regole di ingaggio ed essere loro di supporto anche con i nostri uffici per ogni necessità. Lo stesso faremo da ora in poi, per fare in modo che i soggetti attuatori individuati possano rispettare l’obiettivo della contrattualizzazione dei cantieri entro il prossimo 31 dicembre. Quello dell’aumento della resilienza negli interventi emergenziali di protezione civile è un tema veramente innovativo su cui la Liguria è stata apripista a livello nazionale: in sostanza, significa, partendo da una scheda di danno, effettuare un lavoro di messa in sicurezza a 360 gradi, orientato non solo al ripristino del danno stesso e delle normali condizioni di vita ma anche alla prevenzione del territorio sul lungo termine per fare in modo che al ripetersi dell’evento non si ripetano anche i danni patiti in passato”.

Oltre al programma strategico dei nuovi interventi, il piano del commissario prevede anche una riprogrammazione di lavori già approvati nel 2020.

Undici i Comuni del savonese interessati: Alassio, Albenga, Bergeggi, Cairo Montenotte, Carcare, Finale Ligure, Garlenda , Giustenice, Laigueglia, Loano, Noli, per un totale di quindici interventi soprattutto di difesa a mare.

leggi anche
  • Aiuti
    Pioggia di contributi nel savonese per il rischio idrogeologico e l’adeguamento di edifici pubblici