Bollo ridotto per le auto dai 20 ai 30 anni, stop degli uffici regionali: "In contrasto con sentenze Corte Costituzionale" - IVG.it
Economia

Bollo ridotto per le auto dai 20 ai 30 anni, stop degli uffici regionali: “In contrasto con sentenze Corte Costituzionale”

1534472 233692110160383 6627259852666978147 n

Liguria. Bollo auto ridotto per vetture d’epoca dai 20 ai 30 anni: dagli uffici regionali arriva uno stop categorico alla bozza di proposta di legge avanzata da Marco Melgrati e Angelo Barbero. A farlo sapere è lo stesso capogruppo di Forza Italia: “Pare che anche le altre regioni che già avevano legiferato in questo senso dovranno ‘rimangiarsi’ quanto deliberato. E’ in atto in questi giorni un serrato carteggio tra i Dirigenti e funzionari delle varie Regioni che avevano affrontato questa problematica, in particolare Liguria, Puglia e Valle d’Aosta, carteggio che evidenzia il contrasto di queste disposizioni Regionali nei confronti di alcune sentenze della Corte Costituzionale”.

In particolare viene evidenziato che nella sentenza 451/07 la Corte Costituzionale precisa che la tassa auto è un tributo proprio derivato con attribuzione di gettito alle Regioni le quali, tuttavia, possono disporre esenzioni, detrazioni e riduzioni solo nei limiti fissati dalla legislazione statale, non essendo concesso loro il potere di disciplinare gli elementi costitutivi del tributo.

“Gli uffici Regionali hanno sconsigliato il perseguire una proposta di Legge che è in contrasto palese con i dettami di sentenze della Corte Costituzionale – spiega Melgrati – Rimaniamo in attesa di conoscere come si comporteranno la Regione Lombardia e la Regione Toscana che aveva già legiferato in questo senso. Permane forte la critica a questo governo del premier Renzi che con un colpo di penna ha cancellato agevolazioni già esistenti. Ma d’altronde questo Governo – conclude il capogruppo di Forza Italia Marco Melgrati – è capace solo ad aumentare le tasse”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.