IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Garlenda, Scajola: “Fiat era la scelta giusta”

Più informazioni su

[thumb:12529:l]Garlenda. Intervistato a Garlenda da IVG.it sull’articolo del Financial Times in cui si dice che la Fiat avrebbe fatto bene a sfilarsi dall’operazione Opel, il ministro alle attività produttive, Claudio Scajola, ha così risposto: “La Fiat aveva il miglior progetto industriale per l’acquisizione di Opel, per costruire il secondo gruppo mondiale dell’auto, nell’interesse dell’Europa. Così non è stato. E’ stata fatta una scelta diversa dalla Germania e dalla GM. Una scelta finanzaiaria e non industriale. Sbaglia l’opposizione a criticare il governo e la Fiat”.

E sulle recenti polemiche dell’opposizione il ministro replica così: “Il governo ha fatto la sua parte, è stata una vicenda trattata con altre valutazioni, non di carattere industriale ma di carattere economico e politico che preoccupavano forse altre case automobilistiche. Se l’opposizione ritiene di fare polemica anche su questo dimostra sempre di piu di non conoscere i problemi e di essere assolutamente superficiale sulle scelte di sviluppo del nostro Paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. joeblack
    Scritto da joeblack

    Sudor, ho l’impressione che quel certo…..abbia fumato più di un giocatore che, fiducioso, aspetta la quaterna sulla ruota di Torino o, e forse il paragone può rendere meglio la situazione, un futuro papà
    che freneticamente fuma e cammina avanti e indietro in attesa dell’annuncio del felice evento.

  2. Scritto da antonio gianetto

    Magna, uno dei fornitori di componenti automobilistiche più diversificati al mondo, progetta, sviluppa e produce impianti automobilistici, assemblati, moduli e componenti, e progetta ed assembla veicoli completi, principalmente destinati ai produttori di pezzi originali per automobili e light truck in Nord America, Europa, Messico, Sud America ed Asia. Tra i prodotti Magna ricordiamo: prodotti per interni e componenti, moduli e sistemi di chiusura mediante Intier Automotive Inc.; sistemi, componenti, assemblati e moduli metallici mediante Cosma International; sistemi di specchiaggio, interni ed esterni, sistemi di vetro artificiale mediante Magna Donnelly; cruscotti, moduli terminali anteriori e posteriori, pannelli per carrozzerie in plastica, sistemi e componenti di rifinitura esterna, impianti di guarnizione e condizionamento, moduli per tetti e componenti di illuminazione mediante Decoma International Inc.; diversi tipi di motori, componentistica e sistemi di alimentazione e catene cinematiche, mediante Tesma International Inc.; una vasta gamma di componenti per la trasmissione e processi completi di progettazione e assemblaggio dei veicoli, mediante Magna Steyr.

    Magna conta circa 75.000 dipendenti in 212 stabilimenti di produzione e 47 centri di progettazione e sviluppo in 23 paesi. Per ulteriori informazioni su Magna, si visiti il sito della società all’ indirizzo Internet http://www.magna.com.

  3. sudor
    Scritto da sudor

    Vi dimenticate che il regista di tutto é un certo Marchionne…e che se ha mollato avrà avuto le sue ragioni.
    Ora la OPEL é pronta a chiudere a breve, come giustamente ha previsto Bandito……..i tedeschi hanno preferito una finanziaria? Bravi, ma non avete imparato che le finanziarie pensano solo a raschiare i soldi? Se qualcosa non va bene, si chiude baracca! Meno male che FIAT si é tenuta fuori da un mercato protezionistico come quello tedesco….ci sarebbe toccato pure di pagare i debiti dei tedeschi…ma é curioso constatare che Marchionne si é dato da fare, ha fatto le sue scelte……e franceschini si é messo a criticare quà e là….

  4. Scritto da antonio gianetto

    “”””credo che i tedeschi, per una volta, abbiano fatto un favore alla FIAT.”””
    Mi ricorda tanto una favola: LA VOLPE E L’ UVA
    “””C’era una volta una volpe, furba e presuntuosa……
    Un giorno spinta dalla fame, gironzolando qua e là, trovò una vigna dagli alti tralicci. Ecco disse:” finalmente qualcosa di prelibato”. Tentò allora di saltare spingendo sulle zampe con quanta forza aveva in corpo….ma nulla.
    Calma, si disse:” io così furba non posso arrendermi ma, devo escogitare qualcosa per raggiungere quell’uva”. Dopo un breve riposo riprese a saltare ma dopo alcuni balzi, non potendo neppure toccarla, così disse mentre mestamente si allontanava: ” Pazienza, non è ancora matura, non mi va di spendere troppe energie per un frutto ancora acerbo”.
    MORALE:
    Svilire cio’ che non si è in grado di fare è tipico del borioso…..a volte una sana umiltà aiuta a vivere meglio. “”””””
    luI non è che ci stiamo dimenticando della più grande opera che, il nostro grande genio, ha risolto in brevissimo tempo? Il problema della monnezza a Napoli, che spesso, ci viene ricordato, dai vari portavoce, che si alternano su tutti i mezzi di informazione?
    Forse adesso ci si sta rendendo conto che siamo stati presi per il sedere, la monnezza nascosta, col caldo comincia a puzzare, e la notizia, non è più possibile nasconderla al grande pubblico.
    Soltando che oltre a Napoli, c’ è anche l’ altra grande città del regno delle due Sicilie, e lì, i comunisti, non c’ entrano per niente!
    Il contestatissimo inceneritore di Acerra, avviato personalmente dal nostro primo ministro con la fastosa inaugurazione, con gran battage mediatico. Qualche esempio? Il 26 marzo il Corriere della Sera titolava, sul suo sito “Acerra, in funzione il termovalorizzatore” e il Cavaliere orgogliosamente titolava: “Lo Stato c’è. Questa è una partenza […] per risolvere il problema dei rifiuti in tutta Italia”.
    La realtà purtroppo è diversa, ma sembra che gli Italiani non la vedono, o godono a farsi prendere per il sedere: http://blogeko.libero.it/2009/non-e-mai-entrato-in-funzione-e-spento-il-termovalorizzatore-di-acerra/
    In merito ai porticcioli per le piccole barche, vorrei fare una considerazione: perché tutti i cittadini, devono contribuire per favorire chi ha una piccola barca costruendo un porticciolo, quando non abbiamo neppure asili nido a sufficienza? O il porticciolo è soltando una scusa per continuare a favorire i soliti imprenditori edili, che si stanno ingoiando il nostro territorio? ci fanno un piccolo porticciolo, ma in cambio pretendono che la nostra comunità paghi un caro prezzo sacrificando il suo territorio.
    A Genova si dice: GIA E RIGIA A PIGIALO IN TO CU’ O L’ E’ SEMPRE DRIA! Questo non’ è presente nei detti Savonesi?
    Ieri c’ è stata un’ interessante puntata su Report: IL MALE COMUNE, sui danni che subisce la comunità grazie a questa speculazione edilizia che si stà mangiando, gran parte del nostro territorio agricolo. il video lo dovrebbero mettere in rete domani, presumo a questo indirizzo: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-1825a169-47be-420b-bce2-1fd675fa17fc.html?p=0
    Tra non molto, dall’ estero, non dovremo dipendere soltanto da petrolio e materie prime, ma anche dai generi alimentari: Ormai questo processo è gia da tempo avviato, le nostre società agricole cominciano ad innondarci, di prodotti cinesi, una volta in un supermercato savonese mi è capitato di vedere dell’ aglio che sul sacchetto portava scritto in grande il nome della Società italiana ( di Rovigo ) che lo aveva confezionato, ed in caratteri microscopici: prodotto in Cina; in un altro, pochi giorni fa, che proveniva dall’ Argentina, possibile che non siamo neppure più in grado di produrre l’ aglio?
    E a quanto pare, stando a quello che ha dichiarato Beppe Grillo, ultimamente a Varazze, stiamo importando anche il basilico.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.