IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tomaso Bruno, la rabbia della madre di Francesco Montis: “Hanno ucciso mio figlio due volte” fotogallery

Albenga. Da una parte la gioia e la felicità della famiglia e degli amici di Tomaso Bruno per la sentenza di assoluzione della Suprema Corte Indiana, dall’altra la rabbia della madre di Francesco Montis, il giovane di Terralba (Oristano) morto nel 2010 in India. Così Rita Concas commenta la cancellazione dell’ergastolo da parte della Corte suprema dell’India nei confronti di Elisabetta Boncompagni e Tomaso Bruno, fidanzata e amico di Francesco.

“Sono delusa per la sentenza di assoluzione e anche per il silenzio dell’ambasciata italiana in India – attacca la signora Concas, seppure con un filo di voce – che si e’ preoccupata di comunicare gli sviluppi ai familiari dei due giovani, ma non e’ stata altrettanto sensibile nei confronti miei e di mia figlia”.

La famiglia Montis non aveva un proprio legale in India a seguire il processo. “L’ambasciata italiana ci aveva detto che non potevamo nominare un avvocato italiano – racconta la donna – che i processi li avrebbe seguiti per noi un avvocato dell’ambasciata stessa, credevamo di essere tutelati da loro, ma ci hanno detto solo bugie e non ci hanno mai considerati”.

Quindi svela un retroscena. “Non è vero che abbia mai scritto una lettera alle autorità indiane per scagionare la fidanzata e l’amico di Francesco e non è neanche vero che Francesco era malato, solo un po’ di tosse da fumatore” afferma.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. wolf
    Scritto da wolf

    Se sono questi gli amici che lo aspettano …. Capisco molte cose

  2. Brian di Nazareth
    Scritto da Brian di Nazareth

    Signora, se ad Albenga son tutti pronti a festeggiare nel bar, vuol dire che aspettavano questo momento, NON di vedere acclarata la verità..questa è l’ipocrisia dei due “fenomeni”, osannati da più parti, e dei vari commentatori “pro”..non hanno nemmeno la decenza di tacere, anzi

  3. Scritto da Flatbubu

    Io invece ribalto tutto sui giornalisti: sono passati quasi cinque anni e adesso salta fuori “UN RETROSCENA”… Un retroscena?!? “Non è vero che abbia mai scritto una lettera alle autorità indiane per scagionare la fidanzata e l’amico di Francesco e non è neanche vero che Francesco era malato, solo un po’ di tosse da fumatore”. Ma in cinque anni nessuno si era posto il problema di verificare queste cose?!? E, soprattutto, chi le aveva messe in giro sui media?! Perché in qualunque articolo sulla vicenda c’era quasi sempre la precisazione “A nulla servì la lettera dalla madre del giovane morto, nella quale riferiva che il figlio era malato e aveva problemi respiratori”. Ma allora chi è in malafede? La madre o i giornalisti? Agli inquirenti l’ardua sentenza…

  4. Scritto da asia

    Capisco la rabbia della madre del ragazzo morto però è sempre stato detto che il ragazzo era malato. Se non era così perché non si è mai fatta se ntire. Adesso ormai…..