IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero Autostrade, 90% di adesione. Sindacati: “Aspi riveda piano industriale”

Le organizzazioni sindacali all'attacco: "Arroganza nei confronti dei lavoratori"

Liguria. “La fortissima adesione allo sciopero di oggi è una risposta chiara rispetto alla proposta del piano industriale di Aspi, che ha detto no al turnover nei comparti Esazione pedaggi – Esercizio – Impianti, così come regolati da intese nazionali e locali tuttora vigenti”.

Così Raffaele Lupia e Giuseppe Sgotti, segretario generale aggiunto e coordinatore Autostrade Fit Cisl Liguria.

“Aspi ha dimostrato non solo di non mantener fede agli impegni, ha dato anche dimostrazione di arroganza nei confronti dei lavoratori della Direzione 1° Tronco di Genova. Lo sciopero di oggi ha dato un segnale forte e chiaro al cospetto di un’azienda che ha dimostrato con i fatti di non avere intenzione di investire sul futuro nel nostro territorio”.

“La nostra priorità sarà sempre quella di garantire la sicurezza delle lavoratrici, dei lavoratori e dell’utenza tutta” conclude l’esponente sindacale.

“Sulle problematiche di Autostrade per l’Italia l’azienda continua a rispondere picche – rincara Silvana Comanducci, segretaria regionale Uil Trasporti Liguria -. Per questo, nel giorno dello sciopero, il nostro appello viene rivolto, un’altra volta, al Prefetto di Genova, al presidente della Regione Liguria e al sindaco di Genova, dai quali ci aspettiamo un grande sostegno”.

“Un’adesione così alta, pari al 90%, non si era mai registrata ed è testimone del malessere che in questi anni è stato raccolto a partire dal disastro del ponte Morandi in poi, per poi passare all’ennesima beffa per l’utenza con i lavori di ristrutturazione infiniti. Il malcontento non solo tocca i lavoratori con mano pesante, ma li mette in condizione di forte stress verso l’utenza a causa di un insufficiente organico”.

“I lavoratori sono il capitale umano dell’azienda ma anche di un’utenza sempre più esclusa dai processi di ammodernamento. Inoltre i lavoratori stagionali, che rappresentano il ricambio generazionale, non sono al centro del ragionamento aziendale e istituzionale, quindi la Uiltrasporti Liguria ribadisce la necessità di personale in esazione, in esercizio e negli impianti”.

“L’azienda di fronte a queste richieste formulate su tre livelli di contrattazione ha risposto picche. Noi, davanti all’arroganza di Autostrade, non ci fermiamo: lo stato di agitazione prosegue” conclude.

“Terminerà alle ore 22 di oggi lo sciopero dei lavoratori del I Tronco di Autostrade. In questi mesi Autostrade ha provato a rifarsi una faccia, ha cambiato i vertici, i dirigenti ma purtroppo il metodo è sempre lo stesso – aggiunge Patrizia Bellotto, segretaria Filt Cgil Genova -. Gli accordi sindacali non si rispettano, il personale pensionato non viene sostituito, ai lavoratori viene chiesto sempre di più e intanto il servizio peggiora, le tratte autostradali sono un percorso ad ostacoli a scapito della sicurezza”.

“I lavoratori e le lavoratrici del 1° Tronco, con la  straordinaria adesione allo sciopero di oggi mandano un messaggio chiaro e forte: così non si può andare avanti. E’ la prima iniziativa di lotta, ce ne saranno altre” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.