IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Danni maltempo, al via i lavori a Pietra Ligure: 5 opere pubbliche per oltre 3 milioni di euro foto

Riguarderanno, tra gli altri, il torrente Maremola e la passeggiata di via Bado: lavori di messa in sicurezza e ammodernamento

Pietra Ligure. A seguito dell’ammissione a finanziamento attraverso il OCDPC n. 558/2018, conseguente ai danni relativi all’alluvione 2018, al Comune di Pietra Ligure è stata riconosciuta la ricostruzione di alcuni danni sul territorio il cui ripristino avverrà con 5 opere pubbliche “già contrattualizzate con le imprese appaltatrici ed il cui inizio avverrà nelle prossime settimane” per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro.

Pietra conferenza Lavori Pubblici

A questi, poi, si aggiunge anche la messa in sicurezza della frana a Castagnabanca, con nuova asfaltatura: un’opera che sarà completata entro il mese di ottobre, con un contributo pari a 260 mila euro di fondi regionali.

Aumento resilienza e mitigazione rischio idraulico – Torrente Maremola

Intervento di aumento della resilienza e di mitigazione del rischio idraulico della parte urbana del corso del torrente Maremola indispensabile ad aumentare la resilienza del territorio nel rispetto degli eventi estremi di natura geo-idrogeologica. 

L’intervento riguarda il modesto rialzo degli argini in modo da renderne l’altezza uniforme ed equivalente su entrambe le sponde, nonché l’abbassamento della quota d’alveo ottenuta attraverso la rimozione del materiale di sovralluvionamento. Così facendo si aumenterà la portata utile del fiume dagli attuali 100 mc/sec a circa 230 mc/sec, raggiungendo così un importante obiettivo di sicurezza per le aree urbane laterali al corso d’acqua in oggetto. L’importo complessivo ammonta a 850mila euro.

Potenziamento reti acque bianche – Area via Messina, via Oberdan, piazza Gramsci

Intervento per il potenziamento della rete delle acque bianche dell’area via Messina (SS1 Aurelia) – via Oberdan – piazza Gramsci (stazione Fs) finalizzato alla tutela della pubblica incolumità di aree oggetto di allagamento e del grado di resilienza del territorio.

L’intervento riguarda la ricostruzione di tubazioni e di scarichi acque bianche danneggiati durante l’evento alluvionale dell’ottobre 2018 che hanno provocato l’allagamento delle aree cittadine immediatamente a valle della strada statale Aurelia, ed in particolare di via Rossello e la piazza prospicente la stazione ferroviaria. Le condotte verranno eseguite con tubazioni di idoneo diametro che andranno a convogliare in canali e cunicoli di scarico verso mare, che verranno nel contempo adeguati e sistemati. L’importo delle opere ammonta a complessivi 190mila euro.

Aumento resilienza di strutture e infrastrutture a levante del territorio comunale

Intervento di aumento della resilienza delle strutture ed infrastrutture a levante del territorio comunale mediante opere a mare con sistema misto, in modo che gli stessi possano adattarsi alla forza e violenza delle future mareggiate.

L’intervento riguarda la costruzione di  opere di protezione della beach rock esistente sul levante del territorio comunale, avente la funzione di protezione dell’arenile. L’attuale degrado ed indebolimento della stessa, causato  in particolar modo dalla violenza della mareggiata avvenuta nell’evento in questione, rischierebbe, in caso di uleriori calamità, di determinarne la totale scomparsa. Tale evento, oltre che rappresentare una grave criticità sotto l’aspetto del mantenimento dell’equilibrio dell’ecosistema marino, di fatto eliminerebbe una barriera naturale che impedisce l’erosione dell’arenile mettendo a rischio le retrostanti infrastrutture. Pertanto, la nuova opera rappresentata da una barriera lunga circa 70 ml per 33 di larghezza  e circa 4 di altezza  è finalizzata al mantenimento ed alla conservazione di tale barriera naturale con conseguente beneficio alla protezione delle infrastrutture dell’arenile, che verrà anche completato attraverso un sostanzioso ripascimento della spiaggia. L’importo complessivo dell’intervento ammonta ad 1milione e 100mila euro.

Messa in sicurezza rilevato ferroviario – tra sottopasso Santa Corona e rio Chiappe

Opere di riordino e messa in sicurezza del rilevato ferroviario nel tratto compreso tra il sottopasso antistante l’ospedale Santa Corona ed il rio Chiappe.

L’intervento riguarda la costruzione di opere di protezione delle infrastrutture strategiche poste nel ponente del territorio di Pietra Ligure, con particolare riferimento al rilevato ferroviario ed il retrostante tessuto urbano nel quale sono collocate importanti via di comunicazione che collegano anche l’ospedale di Santa Corona.

Tale opera è tesa sia ad aumentare la resilienza del territorio affinchè  lo stesso sia in grado di resistere ai futuri eventi meteorologici negativi, che si presentano sempre in forma più violenta e devastante, sia ad  evitare il gravoso danno che è avvenuto nel novembre 2019, durante il quale una violenta mareggiata ha devastato  quasi completamente i manufatti che già proteggevano il rilevato ferroviario e contenevano gli impianti fognari, idraulici ed ed elettrici di una parte del territorio comunale e delle strutture dell’arenile. Infatti, si rileva, che la violenza di tale evento ha completamente demolito diversi antisbarco che rappresentavano le strutture di difesa costiere costruite durante i periodo bellici. L’importo complessivo dell’intervento ammonta ad 810mila euro. 

Sistemazione del piano viabile a completamento della passeggiata di via Bado

L’intervento riguarda il rifacimento del tratto di pavimentazione ricompresa fra via Cavour ed il Comando della Polizia Locale e risulta propedeutico alla costruzione dei tre attraversamenti pedonali rialzati, ancora ricompresi nell’intervento di riqualificazione della passeggiata suddetta, nonchè alla ridefinizione dei parcheggi di auto e moto del lungomare. L’intervento prevede altresì l’adeguamento alle barriere architettoniche c degli accessi alla passeggiata. L’importo complessivo dell’intervento ammonta a 70mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.