IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un tesoro nascosto in piena vista: la galleria Bertani foto

Anche a Savona sopravvivono tracce del passaggio della Seconda Guerra mondiale ma a volte non tutte godono della medesima considerazione

Più informazioni su

In via Cantagalletto a Savona, rialzata da terra di alcuni metri, c’è una galleria chiusa da un pesante cancello in ferro. Questa è la galleria Bertani, costruita agli albori della seconda guerra mondiale dal Commendatore Cesare Bertani, già proprietario del castello limitrofo.

La galleria prosegue per circa quattrocento metri e termina in via Nazionale al Piemonte, oggi in corrispondenza di un distributore di benzina.

All’apparenza è un tunnel in pessime condizioni di conservazione, quasi interamente occultato da piante, la cui crescita procede assolutamente incontrollata. Anche quello in via Nazionale al Piemonte è solo il ricordo di un ingresso: i mattoni che dovevano bloccarne l’accesso stanno perdendo la loro battaglia contro il tempo.

La galleria larga quattro metri e alta sei, era dotata di una zona riservata alla famiglia del Commendatore ma le sue porte erano sempre aperte per tutti i lavagnolesi che non trovavano rifugio durante i bombardamenti aerei.

Cesare Bertani nasce nel 1899 a Montecchio Emilia, studia a Savona e partecipa alla prima guerra mondiale sul fronte Trentino. Ritornato a Savona acquista nel 1937 il castello Migliardi, già Imperiale; per molti anni ricopre la carica di presidente dell’asilo “A. Basso” di Lavagnola senza comunque trascurare il suo lavoro di importatore di materie prime e prodotti petroliferi. Benché uomo d’affari, Bertani è stato un grande amante delle arti, motivo per cui resterà legato al suo castello per il resto della vita – all’interno della villa è infatti possibile trovare un mirabile ciclo pittorico dell’artista Raffaello Resio.

Oggi la galleria è inaccessibile, ignorata e abbandonata, preda del tempo e dell’incuria che ne stanno facendo scempio.
Questo è il trattamento che stiamo riservando a una viva testimonianza della guerra nel savonese. Una targa commemorativa e un pannello informativo è tutto quello che si merita la galleria Bertani.

Perché tutto questo? Perché non possiamo recuperarla e renderla fruibile al pubblico e alle scuole in particolare? Grazie alla tecnologia e alla multimedialità si potrebbe allestire la galleria in modo da ricreare le condizioni in cui i nostri nonni, allora bambini, erano costretti a sopportare, ogni qualvolta quella tanto temuta sirena antiaereo si metteva a suonare.

Questo sarebbe un ottimo modo per far rivivere, in particolare alle nuove generazioni, un terribile capitolo della nostra storia che ormai è solo un vuoto susseguirsi di parole su un libro di testo. Ogni testimonianza diretta di una guerra dovrebbe essere tutelata al meglio e preservata come simbolo di ciò che è stato e di ciò che non dovrà mai più essere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.