IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Mal di testa cronico? Basta farmaci. Ecco la soluzione di Fisios

La procedura per il blocco del ganglio sfenopalatino è completamente indolore

Vado/Celle Ligure. Per tutti quei pazienti stanchi di passare di vista in visita, costretti ad assumere farmaci quotidianamente senza trovare sollievo, e per i quali una vita normale senza dolore è solo un lontano ricordo, presso il poliambulatorio Fisios di Vado Ligure è oggi disponibile un’alternativa ed innovativa soluzione, rapida, sicura ed indolore, priva di effetti collaterali e addirittura adatta anche a pazienti in età pediatrica e donne in gravidanza.

“Il blocco del ganglio sfenopalatino, struttura nervosa situata sotto la mucosa nasale, e importante stazione di passaggio di gran parte delle fibre nervose coinvolte nella trasmissione del dolore, permette infatti alla grande maggioranza dei pazienti di avere immediato e prolungato sollievo dai propri dolori – spiega il dott. Alessandro Ali, medico chirurgo specialista in neurochirurgia – in assenza di effetti collaterali la procedura è indicata per tutti i casi di: ogni forma di emicrania; cefalea a grappolo; dolore facciale compreso quello di tipo trigeminale (nevralgia del trigemino); dolore facciale acuto da Herpes Zoster; rinite Vasomotoria; cefalea a dolore facciale successivo a chirurgia dei seni paranasali; dolori cranio-facciali in fibromialgia”.

Ma come funziona questa procedura?

“Mentre il paziente rimane comodamente sdraiato con il capo esteso, si inserisce un sottile introduttore all’interno della cavità nasale. Una volta raggiunto il punto desiderato, l’introduttore viene modicamente retratto, permettendo la fuoriuscita di un sottile “cannuccetta” dotata di una precisa angolazione che permette la corretta irrorazione del ganglio. La procedura, totalmente indolore, viene eseguita su ciascuna narice, ed il paziente viene mantenuto in posizione per circa 10 minuti per permettere l’ottimale assorbimento del farmaco” conclude il dottore. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.