IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Liguria e il suo territorio come sfondo perfetto per il “bike trial” foto

Alla scoperta di un sport "quasi" sconosciuto

Più informazioni su

Chi sente parlare di “bike trial”, spesso non sa di cosa si tratta, alcuni penseranno al trial in moto e pochi al famoso ciclista ligure Vittorio Brumotti e alle sue spericolate imprese. Ma cos’è veramente questo sport e come è nato?

Il bike trial in effetti deriva dal trial in moto; la logica della gara è la stessa: un percorso ad ostacoli da superare senza mettere il piede a terra entro un certo limite di tempo. Le regole sono semplici, vince chi conclude il percorso nel minor tempo e col minor numero di penalità (piede a terra).

L’idea del trial in bici si deve ad un dirigente di una azienda spagnola specializzata nella produzione di moto da trial che negli anni ‘70 volle permettere al figlio ancora bambino di allenarsi. Nacque così uno sport a sé che sviluppò una propria tecnica ed un proprio campionato.

La cosa curiosa è che le tecniche sviluppate negli anni nel trial a pedali sono state applicate con successo al trial in moto e viceversa: lo spagnolo Toni Bou è riuscito a portare la sua moto dove nessuno era mai stato prima.

bike trial

Il bike trial è molto conosciuto in Spagna, Francia, Belgio e Germania dove hanno luogo molte competizioni. Stranamente è poco diffuso negli USA, tanto che quando il campione tedesco Hans Rey si trasferì in California negli anni ‘80 fu soprannominato “No Way Rey” per via della sua tecnica con cui saliva su ostacoli per altri impossibili. Il percorso di gara può essere composto da ostacoli artificiali come blocchi di cemento, oppure può essere un percorso naturale fatto da rocce e tronchi.

Qui in Liguria, oltre a Brumotti, abbiamo in realtà altri riders degni di nota: c’è l’albenganese Castellaro, campione europeo 2016 categoria senior 26”; oppure il genovese Diego Donadonibus, che dopo una buona stagione di gare vinte si esibisce spesso in occasione di manifestazioni od eventi. Tra capriole in aria su due ruote, salti su ostacoli e passaggi su travi sospese il suo è sicuramente uno spettacolo coinvolgente.

bike trial

C’è però una bella differenza tra le gare e gli spettacoli di bike trial: negli spettacoli prevalgono acrobazie, salti da una piattaforma all’altra e via dicendo. E’ ciò su cui si basa lo street trial, che combina le acrobazie da BMX con il bike trial, con risultati ancora più straordinari.

Dal trial con la motocicletta, attraverso il bike trial si arriva così negli anni ‘90 allo street trial. Lo street trial non dà luogo a competizioni ufficiali ma i suoi “cultori” realizzano video molto spettacolari che ormai attraverso la rete sono accessibili a tutti.

Ai nomi dei primi atleti di street come Martin Ashton, Hans Rey, Martin Haweys, si aggiungono quelli più recenti di atleti come Danny MacAskill le cui produzioni curatissime e altamente spettacolari hanno milioni di visualizzazioni in tutto il mondo.

bike trial

E’ vero che il bike trial richiede molto allenamento e grande equilibrio, ma anche a livelli molto più amatoriali si possono avere grandi soddisfazioni.

Dal momento che non occorre per forza gareggiare o raggiungere i livelli di personaggi come Vittorio Brumotti, il bello di questo sport è che si può praticare in una varietà di ambienti, grazie anche al bel clima della nostra Liguria.

Con una bici specifica, un minimo di attrezzatura (sempre il casco in testa!) e tanta pazienza, i muretti di un centro commerciale, le panchine di una passeggiata o gli scogli di un molo offrono una varietà di ostacoli con cui confrontarsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.