IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sanremo 2018, il caso di Ermal Meta e Fabrizio Moro

Il caso del brano "Non mi avete fatto niente" ha già fatto il giro d’Italia: il testo è molto simile a una canzone presentata a Sanremo Giovani nel 2016

Più informazioni su

“Non mi avete fatto niente” potrebbe essere squalificata. Ecco la voce che è rimbalzata per tutto il web dopo la prima serata del Festival di Sanremo 2018. Il caso del brano di Ermal Meta e Fabrizio Moro ha fatto il giro d’Italia: ma che cosa è successo?

Tutto ha inizio nella sala stampa dell’Ariston, subito dopo la fine della serata: uno dei giornalisti ancora presenti fa notare una marcata somiglianza tra i ritornelli del brano “Non mi avete fatto niente”, cantato da Ermal Meta e Fabrizio Moro poche ore prima, e “Silenzio”, canzone  presentata alle selezioni di Sanremo Giovani 2016 da Ambra Calvani e Gabriele de Pascali.

Abbiamo deciso di ascoltare il brano originale, presente fino a poche ore fa sul sito Rai, e al momento non raggiungibile (c’è chi parla di problemi dovuti all’eccessivo traffico sulla pagina e chi si diletta nelle più strampalate teorie del complotto). Non ci sono dubbi: il ritornello del brano della coppia esordiente intona “Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente. Non mi avete fatto niente…”, e risulta di fatto identico a quello che abbiamo ascoltato ieri sera al festival.

A complicare il “giallo” è l’autore del testo: Andrea Febo ha scritto le parole di “Silenzio”, ma risulta anche co-firmatario del brano di Meta e Moro, tesi che svincola i due big dall’accusa di plagio.

Il regolamento del Festival però, chiarisce che una canzone, per essere presentata, deve essere nuova, ossia “[…]non sia già stata pubblicata e/o fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano, o eseguita o interpretata dal vivo alla presenza di pubblico presente o lontano”.

Di fatto, secondo tale dichiarazione, il brano in gara non si può definire nuovo. Ma c’è ancora un piccolo particolare che potrebbe volgere a favore di “Non mi avete fatto niente”:  sempre all’interno del regolamento, è posta la condizione secondo cui è possibile l’utilizzo di “stralci di canzoni già edite, sempre che questi – nel totale – non superino un terzo della canzone nuova”.

Allo stesso tempo, la canzone non può essere ritenuta nuova nel momento in cui “l’insieme o la parte musicale o il testo letterario della canzone abbia generato introiti derivanti da eventuale sfruttamento, diffusione e distribuzione totale o parziale di natura commerciale, riscontrabili e verificabili presso gli enti preposti alla riscossione di diritti d’autore e/o editoriali, fatti salvi eventuali introiti derivanti dalla mera stampa per finalità interne al di fuori di ogni fattispecie di distribuzione; abbia avuto un impegno totale o parziale in qualsiasi attività o iniziativa, direttamente o indirettamente, commerciale”.

A questo punto, ciò che dovrà passare al vaglio degli esperti sarà proprio verificare se la canzone “Silenzio” abbia generano o meno introiti, e in base a questo squalificare oppure mantenere in gara il brano di F. Moro e E. Meta. L’unica cosa che è possibile fare al momento è attendere il giudizio degli specialisti, chi con le mani incrociate, chi non speranza che venga eliminata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.