Via i rifiuti!

“Ripuliamo la spiaggia dalla rumenta”: appuntamento sabato 19 giugno al prolungamento di Savona

L’associazione ligure “The Black Bag” ha organizzato l'evento di clean up

Savona. Quanto è bella la nostra regione? Quanto sono belle le spiagge di Savona? Ogni giorno godiamo della bellezza del nostro territorio senza che esso ci chieda nulla in cambio. Ma ora è arrivato il momento di restituire il favore. E sabato mattina è l’occasione giusta. Infatti, sulla spiaggia libera del prolungamento di Savona si svolgerà un evento di clean up in cui tutti i partecipanti avranno l’obiettivo di ripulire la sabbia da spazzatura e “rumenta”.

L’appuntamento è alle ore 9:30 dalla statua di Garibaldi e sarà sufficiente dotarsi di guanti (possibilmente rinforzati, quelli “da giardinaggio”) e sacchetti/sacchi per l’immondizia, oltre che di tanta voglia di fare qualcosa per la nostra spiaggia e per il nostro mare. Per partecipare occorre iscriversi qui.

Siamo tutti a conoscenza del problema dei rifiuti che affligge il mondo ormai da tempo. Siamo circondati da cartacce, plastica, sigarette ecc. La terra è invasa da ciò che l’uomo utilizza e non smaltisce correttamente, o che comunque non riesce a riciclare. Tutto ciò finisce nella natura modificando gli ecosistemi e immettendosi di conseguenza nella catena alimentare. Vengono utilizzate energia, risorse, materie prime rare, forza umana per produrre gli oggetti che dopo poco tempo finiscono per essere dispersi nell’ambiente. Risultato: inquinamento, spreco e danni diretti all’uomo.

Un problema che in particolare tocca fiumi e mari di tutti il mondo, letteralmente sommersi dalla plastica e dai rifiuti. Un studio scioccante afferma che se continueremo con questo indiscriminato utilizzo di prodotti usa e getta, nel 2050 nei mari ci sarà più plastica che pesci. Un’altra notizia allarmante riguarda la quantità di microplastiche che l’uomo ingerisce ogni settimana dal cibo e dalle bevande che consuma: più di 5 grammi, corrispondenti a una carta di credito.

Sicuramente per risolvere il problema va ripensato il sistema economico in cui viviamo attualmente. Occorre passare da un modello lineare (produrre per consumare) a uno circolare, in cui tutto è pensato al fine di ottimizzare, riutilizzare e non sprecare le risorse, l’energia e ciò che è stato prodotto. Ogni individuo può fare tanto cambiando il proprio stile di vita e le abitudini dannose nei confronti del pianeta. Le alternative ci sono e informandosi si può riuscire ad adottare comportamenti che siano più rispettosi per l’ambiente e per il pianeta in terra, in pericolo a causa del cambiamento climatico.

Un consiglio per migliorare il proprio stile di vita? Partire da piccoli gesti come quello di partecipare sabato mattina a un evento collettivo di pulizia del territorio. Un’azione semplice ma che vale tanto. Questo è l’obiettivo di The Black Bag, l’ente organizzatrice del clean up di Savona. Si tratta di un’associazione costituitasi ufficialmente nel maggio 2021, ma nata nel dicembre del 2019 dall’idea di alcuni ragazzi genovesi con l’obiettivo di realizzare eventi di pulizia di spiagge, parchi cittadini, boschi e monti della nostra regione.

L’associazione ha creato un blog in cui, oltre all’organizzazione di tali clean up, promuove contenuti che cercano di sensibilizzare il lettore su tutti i temi relativi al cambiamento climatico e alle questioni ambientali, con articoli, approfondimenti e recensioni relative a libri, film, documentari ecc. che trattano tali argomenti. L’ente The Black Bag è cresciuto in questo anno e mezzo di esistenza, tanto da contare volontari da tutta Italia e anche dall’estero (Madrid e Copenhagen).

L’evento di sabato sarà in contemporanea con altri due clean up sul territorio italiano: a Genova sulla spiaggia della Foce e a Roma a Villa Borghese. Ovviamente per partecipare sarà obbligatorio l’utilizzo della mascherina e mantenere il distanziamento fisico a causa dell’emergenza sanitaria del Covid-19. I bambini che vorranno partecipare dovranno essere accompagnati da un adulto.
Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo, diceva Mahatma Gandhi. E se vogliamo un pianeta migliore occorre agire adesso. Ci si vede sabato mattina!

Più informazioni
commenta

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.