IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Libri, musica o film? foto

Non è una questione di intelligenza: tutte e tre le opzioni vanno a seconda dei gusti e tutte possono essere sfruttate

Più informazioni su

Ci sono quelle giornate in cui ti butteresti sul letto ad ascoltare la musica ad alto volume perché non vuoi sentire il silenzio che hai dentro, altre volte in cui non vuoi pensare a niente e quindi decidi di tuffarti tra le righe del tuo romanzo preferito; oppure sei talmente nervoso che per sfogarti decidi di guardare film di guerra tutto il giorno per evitare di uccidere tu stesso qualcuno.
Tutte e tre le alternative sono valide.

Libri, musica o film?

Leggere può portare diversi vantaggi che vanno dall’arricchire il proprio vocabolario a poter guardare ogni situazione con occhi diversi a seconda del personaggio del libro che stai leggendo.

Andare a scuola e sperare di incontrare qualcuno di misterioso che ti cambierà la vita per sempre, riconoscere nelle persone che incontri atteggiamenti analoghi a certi personaggi e quindi riuscire a capirle meglio, o, addirittura, non commettere gli stessi errori del protagonista.

Un mondo che puoi ammirare solo con i tuoi occhi e che nessun altro, anche se volesse, potrebbe vedere.

Libri, musica o film?

La musica allo stesso modo può trasportarti. Come ogni canzone ha una storia dietro che ci ricorda una persona, un paio di note messe una dietro l’altra possono farti cambiare l’intera visione del mondo.

Cammini per strada, è una bella giornata, soleggiata, vedi le persone ridere e i bambini giocare, ma tu stai ascoltando Hello di Adele: improvvisamente il sole ha una luce più spenta, il vento diventa più gelido, le persone sembrano ridere solo per farti sentire ancora più solo e la depressione inizia a crescere.

Invece, se al posto di Adele nelle tue cuffiette c’è Justin Timberlake che canta Can’t Stop the Feeling, il mondo assume tutto un altro tono e tutto un altro colore.

Libri, musica o film?

Guardare un film può essere visto come un modo per distrarsi piuttosto che per vedere la vita da un’altra angolazione. Ci identifichiamo perfettamente nella persona, le sue esperienze così emozionanti le possiamo vivere anche noi al sicuro sul nostro divano.

Possiamo decidere di divertirci guardando Una pallottola spuntata, avere paura del Babadook se preferiamo vedere gli Horror, oppure possiamo soffrire le pene d’amore con Bridget Jones.

Noi siamo in grado di vivere milioni di film, di qualsiasi genere e tipo, ma resta a noi capire se dietro quella bellissima scena c’è un messaggio e se ci sono dettagli che nessuno aveva ancora notato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.