IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La tragedia greca arriva a Savona: l’Edipo Re di Sofocle incanta il pubblico del Teatro Chiabrera

Il grande classico della stagione di quest'anno: musiche e costumi moderni che intensificano il significato del testo originale

Più informazioni su

“Quale animale cammina con quattro gambe al mattino, due al pomeriggio e tre alla sera?”. Solo Edipo è riuscito a risolvere l’enigma, voi conoscete la risposta?

La tragedia greca di Sofocle arriva a Savona con “Edipo Re”, regia di Andrea Baracco. La peste tormenta il popolo di Tebe. Dopo la misteriosa morte di Re Laio, sono Edipo e sua moglie Giocasta a governare la città, mentre Creonte sembra tramare per ottenere il trono. Gli oracoli dicono che la causa della sciagura di Tebe risiede proprio nel palazzo reale. Quale scelleratezza è consumata a Tebe? Chi è il vero assassino di Laio? Edipo è davvero solo il fortunato uomo che è riuscito a sconfiggere la sfinge? È giusto credere agli oracoli o è forse meglio vivere affidandosi al caso?

Gli enigmi continuano, ma Edipo è deciso a scoprire la verità, anche quella più dolorosa. La storia di Edipo è la storia di un uomo che vuole comprendere il mondo, ma facendolo finisce col comprendere anche se stesso. Nello spettacolo si ha l’opportunità di seguire il protagonista nella sua ricerca verso il vero.

Musiche e costumi moderni nulla tolgono al testo originale, anzi ne intensificano il significato, compito non affatto facile. Una scenografia emblematica accompagna la poesia di Sofocle recitata con una drammaticità intensa e coinvolgente per il pubblico, creando così atmosfere emozionanti.

Ad “Edipo Re” avrebbe dovuto seguire “Edipo a Colono”, tragedia più matura del drammaturgo greco. Purtroppo questa seconda parte dello spettacolo è stata annullata a causa di un infortunio del regista Glauco Mauri. Questo ha comunque voluto porgere i suoi saluti al pubblico savonese recitando anche alcuni versi della tragedia nella registrazione che è stata proiettata a fine spettacolo.

Nonostante ciò, lo spettacolo è rimasto di ottima qualità. Un’esperienza che vale la pena di essere provata da tutti gli amanti del teatro e da coloro che per la prima volta vogliono accostarsi ad un grande classico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.