IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Serie A regala gol e spettacolo, mentre per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Il nostro campionato si avvia alle battute finali facendo appassionare i tifosi e, mentre le Ferrari continuano a faticare, anche per Valentino Rossi e Dovizioso è iniziata la nuova stagione

Competitività. Un termine utilizzato in diversi contesti che si sposa perfettamente con lo spirito delle formazioni protagoniste dopo il lockdown. Squadre affamate e agguerrite, con giocatori sempre pronti a lottare su ogni pallone per permettere alla propria compagine di guadagnare punti preziosi. Forse è proprio grazie a questa mentalità se alcune squadre sono riuscite a emergere dopo il periodo di quarantena, imposto dal governo per contenere il contagio da Covid-19.

Atalanta, Milan, Sassuolo, Napoli e Roma sono state le vere sorprese del periodo post-lockdown, che le ha viste vincere e convincere. Nerazzurri, rossoneri e neroverdi sono forse stati più costanti, ma anche giallorossi e partenopei sono riusciti a far appassionare i propri tifosi grazie a prestazioni di qualità e quantità.

Dopo un periodo di difficoltà evidenziato da tre sconfitte consecutive, la formazione allenata da Paulo Fonseca è infatti rinata per merito della sapiente guida del tecnico portoghese, capace di cambiare modulo e alcuni interpreti di una squadra che sembrava ormai sulla via del tracollo.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Risultato? Da quel momento Dzeko e compagni hanno ottenuto quattro vittorie e un pareggio, difendendo il quinto posto attualmente occupato dai continui attacchi degli indomiti diavoli rossoneri. La vittoria degli acerrimi rivali laziali contro il Cagliari ha però aritmeticamente estromesso i giallorossi dalla corsa per il quarto posto.

Gli uomini di Fonseca dovranno ora quindi giocare per se stessi, magari continuando a vincere per mantenere appunto la loro posizione, la quale garantisce l’accesso diretto all’Europa League (senza quindi dover disputare i preliminari).

Discorso diametralmente opposto va esposto per spiegare la situazione del Napoli di Rino Gattuso. Gli azzurri fino a una settimana fa “pressavano” da vicino la Roma e riuscivano a fare la voce grossa un po’ contro chiunque.

Ora invece Mertens e compagni appaiono a corto di fiato, fatto dimostrato dai soli otto punti ottenuti negli ultimi cinque match disputati. Attenzione però: dare i partenopei per morti o demotivati sarebbe un errore madornale. Dopotutto la squadra campana ha grinta e carattere da vendere, attributi che dovrà tirare fuori negli ultimi due impegni stagionali contro Inter e Lazio. Non una passeggiata di salute insomma: ecco perché servirà il miglior Napoli per evitare figure barbine.

Arriviamo ora a parlare delle tre squadre che ci hanno forse fatto divertire maggiormente dopo il lockdown. Non mi riferisco però a Inter, Juventus e Lazio, formazioni che avrebbero dovuto dar vita a un’appassionante lotta per lo scudetto secondo i pronostici redatti prima della ripresa.

Le compagini chiamate in causa sono infatti Atalanta, Milan e Sassuolo, formazioni apparse frizzanti e soprattutto in ottima condizione fisica. Se per quanto riguarda gli uomini di Gasperini sorprendere è ormai diventata la normalità (i bergamaschi sono imbattuti nel post-lockdown), la stessa cosa non si può dire per Ibrahimovic e compagni.

Forse è affrettato parlare subito di quel giocatore che ha probabilmente permesso al Milan di fare un evidente salto di qualità rispetto alla prima parte di stagione. Per questo è opportuno disquisire prima sull’operato di Stefano Pioli, un tecnico considerato da molti “normale”, che è però riuscito a fare qualcosa di davvero straordinario.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

I veri rossoneri non potevano essere quelli spaesati e senza gioco della gestione Giampaolo, ma nessuno dopo quelle prime sette partite avrebbe mai potuto immaginare un “Diavolo” così. La squadra allenata da Pioli è infatti riuscita a vincere offrendo bel gioco, accompagnato ovviamente da prestazioni convincenti, ma soprattutto da risultati proficui.

Stefano ha avuto il merito di compattare un gruppo che aveva bisogno di certezze, aiutato da un grande campione come Zlatan Ibrahimovic. È anche e soprattutto grazie allo svedese se il tecnico rossonero è riuscito a far svoltare la stagione del Milan, adesso nuovamente temuto e rispettato come un tempo.

La strada verso la gloria sarà ancora lunga, ma giocatori come Theo Hernandez, Bennacer e Rebic (solo per citare gli acquisti valorizzati dal tecnico emiliano) non possono far altro che continuare a migliorare, divertendosi e facendo divertire.

Quest’ultima descrizione sembra perfetta anche per il Sassuolo di Roberto De Zerbi, mister che è riuscito a gestire al meglio la rotazione degli uomini a sua disposizione mettendo in campo un calcio fresco, divertente e offensivo. I neroverdi, dopo la sconfitta rimediata proprio contro Ibra e compagni, non possono più sperare di conquistare una posizione valevole per disputare almeno i preliminari di Europa League, ma siamo certi che il tecnico bresciano e i suoi continueranno a offrire spettacolo fino al termine della stagione.

Per quanto riguarda invece la lotta salvezza, Genoa e Lecce stanno dando vita a una battaglia senza esclusione di colpi, che attualmente vede leggermente favoriti i rossoblu in virtù delle quattro lunghezze di distacco maturate proprio sui salentini. Liverani e i suoi non vogliono però mollare, alimentando lo splendido scontro per non retrocedere.

Chiudiamo ora parlando delle grandi delusioni del post-lockdown. Se da squadre come Parma, Bologna e Verona ci si poteva aspettare un calo dovuto anche alle panchine corte, la stessa cosa non si può dire per Inter e Juventus.

I nerazzurri non sono riusciti ad approfittare dei continui scivoloni della formazione allenata da Maurizio Sarri, apparsa presuntuosa e arrogante, tanto da perdere addirittura punti nella partita che avrebbe potuto consegnare alla Vecchia Signora il nono titolo consecutivo (contro l’Udinese). Del “bel gioco” auspicato dalla società non c’è traccia e, mentre il tecnico bianconero si lamenta dei rigori fischiati contro la sua squadra, c’è chi si giustifica accusando il calendario.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Stiamo parlando di Antonio Conte, che quest’anno verrà ricordato probabilmente per le numerose occasioni perse. Dell’ottima Inter ammirata prima del lockdown non sembra infatti esserci traccia, mentre una scialba imitazione continua a scendere in campo sprecando occasioni.

Lo stesso discorso può essere fatto per la Lazio che, dopo la sconfitta patita contro il Milan, ha iniziato un tracollo verticale terminato grazie alla vittoria imposta al Cagliari. La coperta per i biancocelesti era troppo corta e le partite ravvicinate non hanno fatto altro che mettere in evidenza il limite più grande di una buona squadra che però, per vincere lo scudetto, avrebbe avuto bisogno di qualche ricambio in più.

Conosciamo ora quindi i nomi delle squadre che parteciperanno alla prossima edizione della Champions e dell’Europa League, ma che piazzamento avranno dopo le due partite che ci separano dal termine di questa agognata Serie A 2019/2020? E chi accompagnerà Spal e Brescia in Serie B? Attendo i vostri commenti.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Motori. Lo scorso è stato un weekend appassionante anche per gli appassionati dei motori, che hanno potuto assistere al primo Gran Premio stagionale di Moto Gp e al terzo di Formula 1.

Nella classe regina non è successo nulla di degno di nota o che merita di essere segnalato, tutto nella norma insomma. Hamilton ha vinto continuando a macinare record, avvicinandosi anche al numero di vittorie di Schumacher, mentre le Ferrari hanno nuovamente deluso.

Considerando il terribile Gp di Stiria il sesto posto ottenuto da Vettel non è totalmente da cestinare, ma Leclerc fuori dalla zona punti e non in grado di superare la Haas di Magnussen è davvero un duro colpo per i tifosi della Rossa. Se a questo aggiungiamo il doppiaggio operato da Hamilton nei confronti dei due piloti della scuderia di Maranello capiamo il motivo per il quale dalle parti del box Ferrari si parli già di 2021.

La monoposto sembra avere un motore inadeguato e, come se non bastasse, in Ungheria anche la strategia non è stata delle migliori. Le gomme soft sono state quelle che hanno condannato Leclerc, possibile che nessuno fosse riuscito a immaginarlo?

La triste verità è che il gap con la Mercedes quest’anno sarebbe dovuto diminuire, invece ora le Ferrari si trovano a dover inseguire Red Bull, Mclaren e Racing Point. Un destino davvero crudele da accettare per il Cavallino Rampante, che non sembra più riuscire a tornare ai fasti vissuti un tempo.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Nel frattempo anche il Mondiale piloti non sembra essere in grado di regalare squilli: dopo la prima gara Hamilton è tornato saldamente in testa alla classifica, con Verstappen e Bottas che non sembrano poter avere molte speranze contro colui che viene soprannominato “The hammer” (il martello), proprio per la sua incredibile fame di vittorie.

Per quanto riguarda la Moto Gp, la prima gara della stagione ha regalato diversi colpi di scena. La pole di Quartararo ha subito fatto intuire che sarebbe stato un Gran Premio divertente, spunto confermato durante la corsa.

Il re della Moto Gp degli ultimi anni, ovvero Marc Marquez, è infatti uscito di pista ritrovandosi nelle retrovie dopo pochissimi giri, salvo poi recuperare quasi fino al podio. Quando però molti suoi tifosi pregustavano già una vittoria che sarebbe ormai stata per certi versi storica e insperata, è accaduto l’incredibile: lo spagnolo è caduto e, per lui, si è subito temuto si potesse trattare di un brutto infortunio.

Gli accertamenti hanno poi evidenziato una frattura all’omero destro, ma il fuoriclasse spagnolo ha creduto fermamente in un recupero lampo e la sorpresa nel vederlo al via durante le prove libere del Gp di Andalusia è stata grande per tutti (forse persino per lui). Marc ha poi però dovuto rendersi conto di essere umano, rinunciando alla gara.

La Serie A regala emozioni, gol e spettacolo, mentre anche per la Moto Gp è scattato il semaforo verde

Torniamo ora a ciò che è accaduto a Jerez la scorsa settimana: fuori Marquez, Quartararo si è avviato verso il primo hurrà della sua carriera, seguito da un Viñales apparso in buona condizione.

Terzo un buon Andrea Dovizioso che dovrà però fare di più per riuscire a iscriversi alla lotta per il titolo di campione del mondo 2020. Ottimi anche Morbidelli e Bagnaia, rispettivamente in quinta e settima posizione.

Gran Premio inaugurale da dimenticare invece per Valentino Rossi, rimasto anonimo per tutto il weekend, addirittura fuori pista e ritirato durante la gara. Riuscirà il “Dottore” a riscattarsi questa domenica? Durante le qualifiche si è piazzato quarto, chissà che non riesca a tornare a gioire…

Da segnalare anche la seconda pole consecutiva ottenuta proprio da Quartararo, mentre ancora Bagnaia è balzato agli onori della cronaca qualificandosi terzo. Prepariamoci dunque: la seconda gara sul circuito di Jerez si prospetta spettacolare e ricca di colpi di scena!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.