IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Bettola – capitolo 5: “Le Tre Tombe”

Il thriller a puntate di IVG/young

Più informazioni su

La Bettola era stata aggredita con forza per la prima volta. Gaia aveva chiuso il locale dicendo che avrebbero riaperto a pranzo. Andrea era rimasto sconvolto dalla perdita della sua amica Marianna e voleva svagarsi. Per aiutarlo a stare meglio, Costantino, Lorenzo e Chiara lo accompagnarono a fare un giro. Si diressero alla zona di Costantino, che era un noto ricettatore oltre che un grande truffatore con molto naso per gli affari.

Considerando il fatto che li conosceva, faceva prezzi di favore alla rapinatrice Chiara e permetteva allo spacciatore Lorenzo di commerciare nella sua zona: in questo modo avrebbe avuto un riparo per ogni evenienza. Ma oggi non si lavorava. I quattro si diressero verso il negozio di Costantino, passando per i classici vicoletti bui e malfamati che conoscevano a memoria. Solo che normalmente nessuno li fermava, essendo clienti della Bettola di Gaia.

Lorenzo cercava di consolare Andrea per la perdita dell’amica, mentre gli altri due erano avanti. Un mendicante coperto da un lenzuolo marrone, sporco e lercio, passò accanto a Chiara chiedendo elemosina. Lei lo cacciò via e proseguì, mentre questo si avvicinava ad Andrea. Senza tanti giri di parole, gli disse di andarsene, ma egli gli rimase accanto per un poco, tanto che Andrea si girò verso di lui, con uno sguardo di odio.

In un secondo gli urlò di sparire. Disse velocemente che la sua migliore amica era stata uccisa da un pazzo e che gli conveniva scappare prima che si arrabbiasse. Ma non ebbe il tempo di arrabbiarsi. Si ritrovò un coltello nella pancia. “Piangi per una morte. Proprio tu, che hai stuprato così tante giovani anime.” Il mendicante si rivelò essere l’Inquisitore. La ferita ricevuta alla Bettola era visibile, ma non sembrava provocargli alcun dolore. Lorenzo si allontanò di corsa da quell’uomo così potente e soprattutto armato. “Non dovevate immischiarvi, clienti!”. Avanzò verso Lorenzo che tentò invano di disarmarlo. Gli provocò un taglio sul polso e con la mano lo spinse a terra. Si inginocchiò accanto a lui e gli piantò la sua arma nel cuore, per poi estrarla.

Chiara avanzò senza timore contro di lui. Era una rapinatrice: sapeva come disarmare i suoi rivali. Ma lui si disarmò da solo, lanciandogli il coltello. La colpì alla gamba, nella coscia. Così anche lei cadde a terra. Quando fu abbastanza vicino, tentò di strapparsi il coltello dalla gamba, ma non ci riuscì per il male. Lui le afferrò la testa, disse qualcosa a bassa voce e subito le girò il collo, con una semplicità incredibile. Prese il coltello e avanzò verso l’ultimo, Costantino. Costui sapeva già di aver perso, ma tentò comunque di colpirlo. Tirò un pugno contro il suo petto e lo prese, ma non gli fece nulla. Nemmeno il calcio che subito dopo gli tirò ebbe effetto.

“Ti prego, non uccidermi.” Lui lo fissò, mentre si metteva in ginocchio pregandolo di lasciarlo vivere. Attese che arrivò al limite dell’umiliazione, poi rimise il coltello nella sua cintura e parlò con voce roca, dicendo qualcosa di indimenticabile: “Non ti ucciderò, ricettatore, perché devi portare un messaggio. Dì ai clienti che il vostro errore di oggi vi costerà caro, e di alla Bettola che vendicherò Carlo Serfi. Non importa cosa farete: il vostro destino è segnato. Ora vai!”

Costantino corse via, spaventato e confuso. L’inquisitore aveva ucciso con troppa facilità e non provava dolore o fatica. Qualcosa in lui non era normale. Sembrava quasi demoniaco. Ma poteva esserlo davvero? Arrivò alla Bettola e tempestò di pugni la porta. “Gaia! Devo parlarti!”

 

Continua…

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.