Catastrofi senza fine

“Geostorm”: gli effetti speciali possono sostituire la trama?

Un film sui cambiamenti climatici

Generica

Un nuovo film sulla fine del mondo, ma per una volta, davvero interessante: “Geostorm” racconta il cambiamento climatico all’estrema potenza, una stazione spaziale per salvare il mondo da un clima micidiale e una congiura politica americana.

Cosa succederebbe se si potesse controllare il meteo? E se qualcuno usasse il mezzo come arma? Uno stato potrebbe diventare il più importante, o meglio l’unico al mondo. La base del film è geniale, così come gli effetti speciali: eventi climatici allucinanti, il Brasile congelato, la Russia che si scioglie, Parigi distrutta dalla pioggia e la Cina in preda ad un vulcano. Tutto molto bello.

La congiura è forse la parte migliore: controllare la macchina per usarla come arma, distruggere ogni stato eccetto il proprio, così da essere gli ultimi e poter avere un mondo a disposizione.

Poco da dire sugli attori: bravi nei loro ruoli, recitazione buona, insomma reggono bene il film, senza lodi particolari ma nemmeno critiche. Peccato che l’intero film si basi su una stupidaggine, l’assurdità.

“Senza la stazione e i satelliti il mondo finisce”, è così che inizia il film. Basta un’ora senza questa spaziale protezione e potrebbe avvenire la fine del mondo, o meglio una serie di catastrofi in giro per il globo. Senza la stazione il mondo finisce… eppure nel film succede di tutto. La stazione viene infettata, si autodistrugge, i satelliti vengono meno, tutto quanto crolla. Ma il mondo è salvo.

Tutto ad un tratto, senza alcuna spiegazione, il pericolo è la congiura umana, dato che i disastri li ha creati la mente criminale e non il clima. Distrutta la stazione, fine della congiura e fine dei problemi. Per ricostruire il tutto anche più di sei mesi, tanto il pericolo non c’è, o meglio è lento a giungere.

Perché il clima non è più un pericolo? Perché il clima si è calmato e deve essere guidato da un uomo per essere un pericolo, se prima non era così? Quando è cambiata la storia?

Prima si ha un clima killer; poi si calma e l’uomo lo rende di nuovo killer, ma senza la mente umana il problema è praticamente svanito. Manca la risposta alle 5W, come mai questa cosa?

Sarebbe un grande film, se solo il produttore si fosse ricordato delle fondamenta: poteva essere un capolavoro, se solo lo sceneggiatore si fosse ripassato l’inizio. “Geostorm”, signori, è la fine, sì, ma del mondo della logica. Ecco a voi un altro film dove la scelta dello spettacolo vince sulla trama. Non conta la trama, se ci sono belle esplosioni.

Più informazioni
commenta

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.