IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Budapest: cosa vedere in una capitale che sa sorprendere foto

Le maggiori attrazioni in una delle capitali più interessanti d'Europa

Più informazioni su

Quando si sceglie una destinazione, anche per un semplice weekend da passare fuori casa, di sicuro la prima nazione che ci viene in mente non è l’Ungheria, in primis perché è una nazione fuori dai circuiti turistici di massa e in secondo luogo perché, nell’Unione Europea, è un paese in ascesa economica, avendo risentito per anni della precedente dittatura comunista imposta dall’URSS.

L’Ungheria è una nazione ricca di monumenti, paesaggi, tradizioni e storia ma una sua attrazione domina su tutte le altre: Budapest. La città danubiana, infatti, nel corso degli ultimi anni si sta andando ad affermare come una delle principali mete turistiche europee e i motivi sono semplici: la bellezza dei suoi monumenti, il basso costo della vita, l’atmosfera romantica che si respira e le sue rinomate terme sono una calamita per i turisti. Oltre a questo si aggiunge la possibilità di fare escursioni di un giorno fuori città con i treni suburbani e con i battelli per scoprire bellissimi paesi come Szentendre o Esztergom. Ecco una lista dei luoghi che, a mio parere, a Budapest sono un must.

Il Parlamento: forse l’edificio più bello di Budapest e il simbolo non solo della città ma dell’intero paese. La visuale con la sua cupola che si staglia sul Danubio è la classica cartolina della città. In stile neogotico puro questo palazzo è spesso paragonato al parlamento del Regno Unito. Visitare questo monumento è relativamente semplice, le visite guidate sono molto bene organizzate in molte lingue (italiano compreso). Il tour di questo palazzo governativo magiaro vi porterà a scoprire gli interni elegantissimi e la corona del regno di Ungheria (altrimenti detta di Santo Stefano); la corona è nota per la sua croce storta ed è presente anche nell’emblema del paese.

La Metropolitana: fu la prima inaugurata nell’Europa continentale; la linea 1 venne aperta il 2 maggio 1896 alla presenza dell’imperatore Francesco Giuseppe e da allora non ha avuto sostanziali modifiche (ad eccezione di quanto concerne il materiale rotabile e la manutenzione), le stazione sono ancora ottocentesche e la piccola linea parte sempre da Vörösmarty tér per percorrere il viale Andrássy út e terminare la propria corsa nel parco cittadino Városliget. La linea 2 e la Linea 3 sono di stampo comunista, tuttavia solo la linea 3 mantiene le originali architetture di regime (che presto però scompariranno nella ristrutturazione totale della linea). Chi ama l’architettura di stampo sovietico troverà la linea 3 la più interessante mentre gli amanti dello stile moderno saranno di certo impressionati dalla Linea 4 : le sue stazioni sono supermoderne e sono costruite come per dare al viaggiatore il senso di trovarsi in un luogo futuristico. La Metropolitana offre quindi un piccolo viaggio nella storia della città al costo di pochi fiorini.

Mercato Centrale: è un grande emporio coperto ottocentesco brulicante di persone soprattutto d’estate. Il mercato offre un primo impatto con la cultura e il popolo ungherese; infatti, qui si possono trovare molti prodotti tradizionali, dai vestiti tipici alla classica paprica essiccata appesa sulle bancarelle. Nonostante stia diventando una grande attrazione turistica della capitale pannonica in questo luogo, si possono trovare ancora molte persone del posto che normalmente vi vanno a fare la spesa.

Ponte delle catene: è il più antico ponte della città; è stato inaugurato nel 1849 ed è spettacolare. Particolarmente famoso per la sua veduta, che insieme con quella del parlamento forma la classica cartolina della città, è forse il suo luogo più romantico, soprattutto la sera quando è illuminato.

Kelety Palyaudvar: è uno dei luoghi della capitale magiara che più profumano di vita; infatti la stazione centrale è sempre piena di viaggiatori e turisti provenienti da vari paesi. La stazione centrale inoltre è un’importante testimonianza strutturale della fiorente Budapest ottocentesca co-capitale dell’impero d’Austria-Ungheria. La stazione centrale è raggiungibile tramite le linee M2 ed M4 della metro cittadina.

Castello: su questa Rocca di Buda venne scritta la storia della città già dal lontano 1247 ( anno in cui il re Béla IV d’Ungheria diede avvio alla costruzione della prima residenza reale). Oggi nella medesima area si erge un maestoso edificio in stile neoclassico (il castello di Buda vero e proprio) che al suo interno ospita il Museo storico di Budapest e la Galleria Nazionale Ungherese; da non perdere anche il Bastione dei pescatori, un romantico bastione neogotico costruito a cavallo della fine dell’ottocento e l’inizio del novecento da cui si gode una visuale strabiliante su Pest e il Danubio, e la gotica chiesa di Mattia Corvino, costruita sempre per volontà di Béla IV, e chiamata così per via del fatto che qui il grande sovrano magiaro si sposò due volte.

Sinagoga: questa la più grande d’Europa ed il principale luogo di culto ebraico della città e si trova a Pest. E’stupefacente non solo per le sue dimensione ma anche per la sua architettura orientaleggiante, è consigliabile farci un giro sopratutto perchè è la diretta testimonianza della forte presenza della comunità ebraica a Budapest.

Bagni Gellért e Bagni Széchenyi: sono annoverati fra gli impianti termali più importanti non solo d’Ungheria ma di tutta Europa. I Bagni Széchenyi sono i più grandi d’Europa, si trovano nel parco Varosliget e stupiscono il visitatore con enormi vasche sia all’aperto che al chiuso. I Bagni Gellért sono invece caratteristici per il loro edificio in stile art nouveau nel quale si trovano le piscine. Un’esperienza in questi bagni termali non vi costerà una fortuna, vi darà la possibilità di trascorrere una giornata piacevole e soprattutto vi farà entrare in contatto con uno degli ambienti tipici della metropoli pannonica.

Szentendre: deliziosa cittadina tra le colline danubiane alle porte di Budapest. E’ molto caratteristica per le sue viuzze colorate, il panorama sulle colline circostanti e i negozi di artigianato, in particolare di merletti. E’ comodamente raggiungibile da Budapest con i treni suburbani.

Fare un viaggio a Budapest è un’esperienza di cui non vi pentirete; questa città antica, ma allo stesso tempo moderna e cosmopolita, eredita un triste passato di povertà ma è già proiettata nel futuro e sa dare emozioni uniche, ancora non molto conosciute dal turismo di massa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.