Basta società del “tutti uguali”: importante esprimere la propria diversità

Imposti standard su ciò che è meglio essere: se si trasgredisce si diventa bersaglio di esclusione e discriminazione

razzismo

I personaggi che si vedono in televisione, i cantanti famosi, gli attori sono ciò che tutti (o quasi) aspirano ad essere. Persino i bambini ambiscono a somigliare a qualcuno da loro considerato importante, ad esempio i genitori. In un modo o nell’altro tutti crediamo che bisogna anelare ad essere come una certa icona.

Anche sotto questo aspetto la società impone standard su ciò che è meglio essere, stabilisce confini che devono essere rispettati perché, se ciò non avvenisse, le conseguenze per i trasgressori sarebbero esclusione e discriminazione. In questo contesto si sviluppa la mentalità attuale dei giovani.

In pochi possono permettersi originalità, cioè coloro che hanno una sorta di potere tra i coetanei. Gli altri, invece, cercano di appartenere ad un gruppo, solo per non essere etichettati come quelli “strani”. Chi non è accettato in una cerchia già esistente se ne crea una propria nella quale coloro che sono diversi da un nuovo modello non verranno accettati a loro volta e così via. Si torna, così, al punto di partenza. Quindi la vera domanda è: provare a cambiare o, per meglio dire, non seguire più la massa serve a qualcosa?

La situazione, qualche decennio fa, era in realtà anche più stereotipata. Tutti dovevano essere a forza etichettabili sulla base di una scelta, fosse anche solo di abbigliamento. D’altronde, nelle società occidentali era pervasivo il modello dei college americani: i film di genere dividevano gli studenti tra popolari, coloro che riuscivano a distinguersi dagli altri, imponendo loro una moda, e perdenti, coloro che si facevano calpestare perché non la seguivano. Lo spettatore, inconsapevolmente, si faceva manipolare e riproduceva gli stessi comportamenti nella sua vita. La sensazione è che oggi, invece, ci sia molta più libertà.

In tanti cercano di normalizzare le diversità, anche quelle fisiche o quelle che riguardano gli interessi o il modo di vestire. Questo accade perché ormai gli adolescenti maturano sempre più velocemente e iniziano a pensare con la propria testa. Questo cambiamento è già piuttosto evidente, seppure ancora troppo lento. Dunque, se si continua a diffondere diversità, in futuro ciascun giovane potrà esprimersi liberamente senza paura del giudizio altrui.

Non è la prima volta che i vincoli sociali interferiscono con le scelte di un individuo. Ne sono un esempio gli standard imposti alle donne dalle riviste di moda: anche queste regole si stanno modificando grazie alle nuove generazioni. Se è vero, tuttavia, che molti ancora non possono distinguersi dalla massa, quando cambierà del tutto la mentalità? Se le nuove generazioni continueranno a normalizzare le diversità e ad accettare chiunque, riusciranno alla fine ad evitare per tutti il destino di una vita monotona? Ciò dipende dai ragazzi stessi.

commenta

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.