IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

8 motivi per guardare “Star Wars: Gli ultimi Jedi”

L’ottavo episodio di una delle più famose saghe tv di sempre arriva finalmente sul grande schermo, ecco otto motivi per andare a vederlo, ma anche qualcuno per non farlo…

Più informazioni su

Il nuovo episodio di Star Wars è uscito al cinema il 13 dicembre e in poco meno di un mese ha già scalato le classifiche degli incassi al botteghino, allo stesso tempo ha mosso parecchie critiche tra i fan.

Per chi ancora non l’avesse visto vi lascio 8 buoni motivi per guardarlo.

1) Ottimo film d’intrattenimento: nonostante una durata di due ore e mezza, il regista Rian Johnson è in grado di tenerti davanti allo schermo, con l’alternanza di scene lente e più concitate riesce a dare il giusto ritmo alla pellicola.

2) I combattimenti spaziali: finalmente ritroviamo un combattimento tra navicelle spaziali degno di questo nome; dopo quanto fatto vedere nella prima scena di “Episodio III: la vendetta dei Sith”, in “Episodio VII: il risveglio della Forza” e “Rogue One” ci erano un po’ mancate scene così emozionanti e complete.

3) Il coraggio di cambiare le carte in tavola: Johnson, oltre a proporci un’ottima pellicola, decide di metterci la faccia e cambiare tutto, cogliendo al volo l’incipit di J.J. Abrams (regista del film precedente) e rovesciando totalmente l’idea di Ordine Jedi e Ordine Sith, cosa che ha fatto anche storcere il naso ai fan duri e puri.

4) Eroi diversi dal canone: l’avere personaggi non monotoni ha fatto fare il salto di qualità alla pellicola; l’eroe genuino e il villain malvagio sono ormai un lontano ricordo, portare dei personaggi totalmente diversi e complicati nel loro modo di essere e pensare ha portato una boccata di aria fresca alla saga.

5) Una delle scene più belle di sempre: ci potrebbero essere anche due ore di nulla che basterebbe questa scena per far dire semplicemente WOW, l’assenza di suono rende il tutto ancora più epico ed emozionante.

6) La mano di mamma Disney: può non piacere a tutti, ma la presenza di animaletti pucciosi in un contesto così complicato sdrammatizza le situazioni e rende il lungometraggio accessibile anche ai più piccoli.

7) La Principessa Leia: ultima apparizione per Sua Maestà Carrie Fisher, si riconferma ancora una volta una delle pietre miliari di tutta la saga, scomparsa poco dopo la fine delle riprese sarà la grande incognita per il prossimo Episodio.

8) Luke Skywalker: non credo ci sia da aggiungere altro.

Note negative:

1) Fan Service esagerato: si nota un po’ troppo il tentativo di accontentare i fan nelle richieste, ma in fondo ci può stare sarebbe anche stupido non farlo.

2) Comicità non sempre necessaria: la doppia faccia della medaglia targata Disney si fa sentire, troviamo ironia anche quando forse non serve, ogni tanto fuori luogo.

3) Fan Base spietata: la cosa peggiore di tutte è che da quando il film è uscito ci sono state critiche costruttive, ma anche critiche esagerate arrivando a chiedere che il film venisse rimosso dalla saga originale ritenendolo il peggiore di sempre (ma non è che sia il peggiore, solo che è uscito nell’epoca in cui siamo tutti critici cinematografici).

In conclusione “Star Wars: Gli Ultimi Jedi” è un film coraggioso, su questo nulla da dire, ma che avrebbe potuto comunque osare di più, forse è proprio il fatto di aver osato, ma forse nemmeno troppo, ad aver deluso quelli che si autodefiniscono “fan storici”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.