martedì
19
Ottobre

Vado Ligure si “veste” di rosa per sensibilizzare sul tumore al seno

martedì
19
Ottobre
  • DOVE
  • ORARIO
  • QUANTO
  • CONDIVIDI

Vado Ligure. La lotta al tumore al seno non coinvolge solo le donne ma anche ogni famiglia in cui una donna, madre, sorella o figlia che sia, possa essere informata e protetta. Questo pensiero dà vita a “Vado in Rosa”, l’originale e coloratissimo format che il Comune, in collaborazione con l’Associazione Sferruzziamo e le sue instancabili e creative associate e simpatizzanti, comprese le dolcissime ospiti delle rsa, realizza nel mese della prevenzione del tumore al seno.

L’iniziativa sarà ufficialmente inaugurata martedì 19 ottobre alle ore 18 con l’accensione straordinaria e magnifica di incredibili installazioni luminose che vestiranno di rosa i punti cardine della città, come il Municipio, Villa Groppallo e la centralissima fontana di piazza Cavour, provocando un’emozione potente e colorata che non potrà passare inosservata. Quattro settimane di appuntamenti per tutte le età con seminari, show cooking, interviste e un concerto rock tutto al femminile.

Si parlerà di alimentazione, perché la prevenzione si integri sempre di più nella routine quotidiana della nostra tavola, e molte attività e abitudini che possono rivelarsi terapeutiche e fondamentali per prevenire o combattere la malattia. Tra queste la tradizionale arte del lavoro a maglia e dell’uncinetto, oggi rivisitato come strumento di aggregazione sociale ed espressione collettiva e ribattezzato art knitting o yarn bombing, ovvero l’arte di (ri)vestire di bellezza e colore il grigiore delle città con decorazioni artigianali in filo, spesso vere e proprie opere di arte e pazienza.

“È un filo rosa che ci unisce – dichiarano le operatrici che in questi ultimi mesi hanno instancabilmente sferruzzato migliaia di meravigliose creazioni con cui verrà decorata la città – Fiori, scritte e installazioni, anche di dimensioni inaspettate, impreziosiranno Vado Ligure, ricordando con delicatezza e allegria quanto sia fondamentale promuovere sempre sia la ricerca sia l’educazione alla prevenzione contro quella terribile patologia che colpisce ogni anno ancora troppe donne”.

segnala il tuo evento gratuitamente +

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.