sabato
25
Settembre
2021

Savona, spettacolo e musica si intrecciano nell’originale concerto “Café des Arts”

sabato
25
Settembre
2021
teatro sacco
  • DOVE
  • ORARIO
  • QUANTO
  • CONTATTI
  • CONDIVIDI

Savona. Sabato 25 settembre alle ore 20:30 le arti dello spettacolo e della musica di qualità s’intrecceranno nel concerto “Café des Arts”, che l’Associazione Concertato offrirà al pubblico dell’Antico Teatro Sacco con il contributo della Fondazione Agostino De Mari. L’idea nasce per ricordare a tutti dell’importanza delle arti e dello spettacolo dal vivo, evocando i floridi periodi artistici della Belle Epoque e degli anni ’30 tra le due guerre mondiali, in una Parigi allora culla e tappa culturale obbligatoria.

“Café des Arts” è il ritorno, la memoria, l’invito a tutte le generazioni, specialmente ai giovani, a tornare a vivere dal vivo. Nello spettacolo si racconta la storia dei musicisti che si ritrovano al Café con la voce narrante di Marino Campanaro e narrano le loro speranze, le emozioni e le esperienze con musica, cultura, versi e qualche piccola sorpresa per il pubblico. Il concerto volutamente rompe gli schemi della formalità di un concerto classico, rendendo più vicina soprattutto per i giovani una rappresentazione operistico strumentale con una teatrale e innovativa posizione degli strumentisti sul palco in mezzo agli invitati.

Nel programma del Café di Montparnasse Ravel, Faure, Debussy, Puccini e Rossini in compagnia dei cantanti Federica Grumiro (soprano), Cecilia Bernini (mezzosoprano), Andrea Civetta (tenore), Armando Napoletano (baritono), Marino Campanaro (attore), Sofia Villanueva (violino), Alexander Zyumbrovskiy (violoncello) e Veronika Koprivica (pianoforte e direzione artistica).

Un ballerino di tip tap melomane e amante della cultura (Campanaro) ritorna a Parigi alla ricerca del caffè dove scriveva Hemingway ma finisce in un café pieno di musicisti che casualmente conosce. Il cantante, che riconosce seduto a qualche tavolo di distanza, sta cercando di intonare lo spartito di Ravel e proprio dalla musica del “Don Quichotte a Dulcinea” parte la storia. Dalle discussioni sui repertori e sui salotti musicali più interessanti dell’epoca in Europa saranno eseguite le musiche di O. Respighi: Notte, G. Faure: Claire du Lune e Apres un reve, C. Debussy: Trio Sol maggiore, G. Puccini: Waltzer Musetta, G. Rossini: Duo Soirees Musicalles, duetto “dei Gatti”, quartetto Il Carnevale di Venezia.

Per rispettare la normativa vigente sulla sicurezza in materia di emergenza sanitaria da Covid-19 il teatro ha una disponibilità di posti a sedere limitata al 50% della sua capienza. La visione sarà consentita soltanto su prenotazione del posto e presentazione del Green Pass o del tampone con esito negativo entro le 72 ore.

segnala il tuo evento gratuitamente +

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.