IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
monsieur de rien

Racconti d’Inverno, in biblioteca a Loano il “Premio Folkest 2019 – Alberto Cesa”

04/01/19

EVENTO GRATUITO
: Biblioteca Civica “Antonio Arecco” Corso Roma, 9, Loano, SV, Italia - Inizio ore 21:00

Attenzione l'evento è già trascorso

Loano. Prosegue a Loano la rassegna “Racconti d’inverno”, iniziativa musicale promossa dall’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano e organizzata dall’Associazione Compagnia dei Curiosi.

Venerdì 4 gennaio alle 21 la biblioteca civica “Antonio Arecco” di Palazzo Kursaal ospiterà la selezione territoriale “Premio Folkest 2019 – Alberto Cesa”, che darà diritto al vincitore di partecipare alle serate finali per l’assegnazione della Targa Alberto Cesa che si svolgeranno a luglio a Spilinbergo.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito della collaborazione tra il Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana e lo storico festival friulano Folkest. La selezione loanese del “Premio Folkest 2019 – Alberto Cesa” vedrà in competizione Massimo Lajolo & Onde Medie, Monsieur De Rien, Stona. La giuria presieduta dal cantante e produttore discografico Shel Shapiro, sarà composta da Daniele Ivaldi (musicista), Jacopo Tomatis (giornalista musicale e direttore artistico del Premio Loano), Martin Cervelli (giornalista de Il Secolo XIX), Evandro Piantelli (Compagnia dei Curiosi). La serata sarà condotta dal giornalista Alfredo Sgarlato.

Massimo Lajolo, cantautore e compositore, dal 2004 è impegnato nel progetto Massimo Lajolo & Onde Medie, con il quale ha prodotto tre CD di brani propri (“Distanze” del 2005, “Nirvana Market” del 2010, “Tutto quanto ritorna” 2016). L’artista torinese ha partecipato a diverse compilation, compreso il Cd tributo in italiano a Leonard Cohen e quello dedicato a Sergio Endrigo. La sua musica è influenzata dalla canzone d’autore italiana e anglo-americana e arricchita da venature rock, elettroniche, latine, etniche. In veste di musicista fa parte della storica formazione Malartan di musica folk irlandese-bretone, del gruppo r’n’r Five Tips, del tributo a Neil Young, Forever Young e della formazione etnica Orchestra di Porta Palazzo. Accompagnano dal vivo Massimo Lajolo (voce, chitarra acustica ed elettrica) i musicisti Umberto Cariota (basso, voce), Salvo Li Volsi (batteria), Andrea Ferazzi (chitarra acustica ed elettrica, Lap steel).

Monsieur De Rien Nascono nel 2003 come musicisti di strada, con un repertorio di musica tradizionale delle Alpi piemontesi e francesi. Nel tempo si avvicinano sempre più alla forma canzone, che provano a contaminare con le strutture dei brani di ballo popolare. Il folk con sfumature swing è la base su cui i Monsieur De Rien costruiscono le loro canzoni dai testi ironici, in bilico tra la musica popolare e le influenze della scuola cantautoriale italiana e francese. Hanno condiviso il palco con nomi importanti della musica italiana, aprendo ai concerti di Modena City Ramblers, Lou Dalfin, Brunori Sas. Compongono il gruppo: Roberto Politano (fisarmonica, organetto, voce), Sergio Pozzi (chitarra, voce), Michele Bruna (basso, contrabbasso), Nazareno Garelli (batteria), Giovanni Cismondi (sassofono, tastiere).

Massimo Stona cantautore piemontese si fa notare fra i vincitori di “Una voce per Sanremo 2008” e viene inserito nella compilation del contest prodotta da Areasonica. Pubblica negli anni alcuni singoli per arrivare a maggio 2017 con le nuove sonorità di “Estate senza preavviso”, lavoro realizzato con Nicolò Fragile e Davide Bosio. Con il brano “Belladonna” avvia la collaborazione artistica con Guido Guglielminetti, bassista da trent’anni al fianco di De Gregori. Con questo brano Stona vince il Biella Festival 2017 aggiudicandosi la produzione di un videoclip e il premio Nuovo Imaie. A Maggio 2018 Massimo Stona vince il Pae (Premio Autori Emergenti) in occasione dei Fim Awards 2018 con il brano “Troppo pigro”. Il 16 novembre 2018 è uscito “Storia di un equilibrista” album di esordio di Stona. Il disco è preceduto dai due singoli “Storia di un equilibrista” e “Santa Pazienza” che gli hanno consentito di piazzarsi subito molto bene nella Indie Music Like redatta settimanalmente dal Mei.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!