Ambiente
sabato
23
Ottobre

Orco Feglino, outdoor e cultura nel Piccolo Festival delle Culture Verticali

sabato
23
Ottobre

Le emozioni verticali di Finale Ligure, dov’è possibile praticare l’arrampicata tutto l’anno grazie al clima mite e alle pareti con inclinazioni e morfologia diverse, diventano protagoniste di un nuovo evento, il Piccolo Festival delle Culture Verticali, in programma sabato 23 ottobre nella suggestiva area spettacoli, immersa nella natura, appena al di sotto del Grottone di monte Cucco, una delle falesie storiche del finalese, ad Orco Feglino.

La prima edizione avrà come tema centrale la “danse escalade”. Luogo e data non sono casuali: hanno a che fare infatti con un’altra delle storie affascinanti che Finale Ligure è in grado di raccontare. Trentacinque anni fa, il 23 ottobre 1984, il leggendario, Patrick Berhault, arrampicatore, alpinista e guida alpina francese, e il giovane amico climber finalese Nico Ivaldo diedero vita su quelle pareti ad un’esibizione notturna. L’evento raccolse centinaia di spettatori sotto la parete: fu una straordinaria serata per tutti i presenti con il naso all’insù ad osservare i volteggi di Berhault, assistendo a qualcosa di eccezionale, una scalata che era una vera e propria danza.

Il festival ripropone questa filosofia dando spazio ad un’idea di arrampicata che non sia solo performance sportiva ma anche gesto armonico e forma d’arte integrata all’ambiente circostante. La manifestazione avrà quindi una proposta multidisciplinare: artisti provenienti da “universi” lontani avranno modo di confrontarsi in virtù del comune desiderio di relazionarsi al territorio. A partire da quella notte Patrick Berhault si rese conto di quanto l’armonia gestuale del suo arrampicare potesse spingersi lontano, tanto da varcare i confini della danza. Nasceva così in quei primi anni ’80 un fenomeno artistico culturale poi definito danse escalade.

Ripartire da quegli stessi luoghi di fondazione con un evento del genere ha un forte valore simbolico, soprattutto se si tiene conto del fatto che nel 2021 l’arrampicata ha debuttato per la prima volta alle olimpiadi, portandovi tutta la sua dimensione agonistica e spettacolare. L’evento coinvolge l’arrampicata e la danza, presentazioni di libri, l’arte, la scultura e la musica ed è organizzato grazie alla collaborazione di Finale Outdoor Region e dell’associazione culturale EmsteluDanza con il patrocinio del Comune di Orco Feglino e il contributo di quello di Finale Ligure.

“Credo sia estremamente positivo che Finale Outdoor Region ospiti un nuovo evento legato all’arrampicata ma ancor di più amo la filosofia che guida il Piccolo Festival delle Culture Verticali: la creazione di uno spazio in cui differenti modi di vivere il territorio si uniscono, dialogano e si confrontano – dichiara Riccardo Negro dell’associazione Finale Outdoor Region e organizzatore dell’evento – Un evento non competitivo che rappresenta un’occasione per rivalutare il fondamentale valore dato dalla relazione tra uomini e donne che vivono il Finalese con differenti approcci ma accumunati da un profondo legame e amore per questo meraviglioso territorio. Partendo da un evento del passato divenuto leggenda, l’esibizione di Patrick Berhault e Nico Ivaldo sulle pareti di monte Cucco, il Piccolo Festival delle Culture Verticali getta le basi per un nuovo modo di pensare alle attività outdoor, al territorio, alle persone e al loro all’indissolubile legame”.

“I comuni dell’entroterra finalese sono il cuore delle tante attività outdoor per cui la Finale Outdoor Region è famosa nel mondo – spiega Gianluca Viglizzo, presidente del Consorzio per la Promozione Turistica e la Tutela del Territorio Finalese – Siamo molto felici che Orco Feglino sia la sede del Piccolo Festival delle Culture Verticali e di vedere che molte realtà locali, dal CAI alla Pro Loco, oltre a tanti volontari, stiano collaborando attivamente per la sua realizzazione, prendendosi cura dell’area del Grottone di monte Cucco e curando diversi aspetti organizzativi. Sicuramente un gran bel segnale e già una piccola grande vittoria del Piccolo Festival delle Culture Verticali”.

“Le falesie si fanno spazi per corpi in attesa di una trasformazione, sentieri in movimento – conclude l’assessore al Turismo del Comune di Finale Ligure Claudio Casanova – Natura, arte, cultura e sport, elementi che caratterizzano il Finalese, uniti tracciano nuove mappe di orientamento, inafferrabili alle convenzioni cartesiane. Lo spazio esterno in cui operano gli artisti scalatori si riflette nell’io interiore, coinvolgendo il pubblico a terra. Questo è il genere di eventi in grado di elevare un posto ad uno status di posto perfetto. Finale Ligure is the perfect place”.

Come avvenne nel 1984 alcuni volontari di Orco Feglino hanno dato un prezioso contributo per la realizzazione dell’evento. Quest’anno si è voluto ripristinare l’area spettacoli di monte Cucco, caduta in abbandono dopo la chiusura della Comunità Montana, riportandola in funzione e a disposizione del paese per altre future iniziative.

Il programma

LABORATORI DI MOVIMENTO ore 14 – 17:30
– Slackline (a cura di Ivan Soddu)
– Circo (a cura di Circo Incerto)
– Danse escalade (a cura di Antoine Le Menestrel)

LIBRI
ore 15:30 Irene Borgna BORGNA presenta “Cieli neri”

ore 16:15 il professor Giovanni Murialdo presenta “Il paesaggio del Finalese – Alla ricerca dell’identità di un territorio”, pubblicato dal Museo Archeologico del Finale nell’ambito del progetto MUDIF Museo Diffuso del Finale con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo. Un momento di condivisione in cui raccontare un territorio di grande pregio, estremamente vitale, in continua trasformazione e caratterizzato da un “paesaggio” spesso osservato e apprezzato nelle sue valenze estetiche ma non sempre ugualmente conosciuto nei suoi aspetti più complessi e articolati, il cui “carattere deriva dall’azione di fattori naturali, umani e dalle loro interrelazioni”.

SPETTACOLI E FILM
– dalle ore 18 LINEAdARIA e presentazione del corto “Alveare” alla presenza del regista
– dalle 19:30 rassegna cinematografica
– dalle 21 “Racconti in Verticale”: Alessandro Grillo e ospiti raccontano l’incontro con Patrick Berhault

Orco Feglino Piccolo Festival delle Culture Verticali 2021
segnala il tuo evento gratuitamente +

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.