IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
dante alighieri

Noli, Saulo Lucci in scena in “Hell o’ Dante – XXVI. Ulisse e Diomede, i cattivi consiglieri”

12/09/20

EVENTO GRATUITO
: Piazza Chiappella , Noli, SV, Italia - Inizio ore 21:00
  • info@ilpontesulladora.it
  • Tel. Libreria Il Ponte sulla Dora 011 19923177

Attenzione l'evento è già trascorso

Noli. Sabato 12 settembre alle ore 21 in piazza Chiappella Saulo Lucci presenta “Hell o’ Dante – XXVI. Ulisse e Diomede, i cattivi consiglieri”. Nell’ottava bolgia dell’ottavo cerchio dell’Inferno dantesco lingue di fuoco avvolgono i dannati ma una in particolare attrae l’attenzione di Dante: la fiamma a doppia punta che rapisce insieme le due anime dannate di Ulisse e Diomede. Di quest’ultimo chiaramente nessuno si preoccupa perché a tenere banco è il racconto dell’ultimo fatidico viaggio del re di Itaca.

“Hell o’ Dante” è un progetto che affronta l’Inferno in 34 spettacoli di narrazione, ognuno dedicato ad un diverso canto. Attraverso una rigorosa ricerca Lucci sviscera le terzine e i personaggi in esse racchiusi, la situazione storica e le pene tanto mirabilmente dipinte, così come il pensiero dell’autore, dando nuova vita a tutto ciò, per riconsegnare agli spettatori la bellezza di una commedia che merita più di ogni altra mai scritta l’attributo di “Divina”.

In ogni serata il pubblico è invitato a votare un canto dell’Inferno e in seguito ad un’estrazione si scopre quale sarà affrontato in quella sede. Per rendere più colorito il tutto un volontario sceglie dal canto estratto un verso qualunque: da qui l’attore cita a memoria la terzina cui appartiene il verso e dà il via allo spettacolo incentrato sul canto estratto.

Per ogni canto si mettono in luce le fonti letterarie e storiche, le cronache dell’epoca e i pettegolezzi da cui Dante ha tratto ispirazione: non solo si scoprirà che l’incontro con Ulisse deriva dalla storia del viaggio dei fratelli Vivaldi e del loro rapimento per opera del Prete Gianni ma anche che dietro la commozione e la pietà provate per la triste storia di Paolo e Francesca si nasconde una famiglia orribile e un matrimonio combinato con l’inganno e che solo grazie ai paleodietologi abbiamo la conferma che il conte Ugolino non mangiò carne nei suoi ultimi giorni di vita.

Ogni canto è accompagnato da alcuni brani musicali eseguiti dal vivo (voce e chitarra) appartenenti al repertorio pop e rock italiano e internazionale. Lo scopo non è solo alleggerire la mole d’informazioni che il pubblico riceve ma soprattutto giocare con due epoche così lontane (il Medioevo e l’età contemporanea) avvicinandole grazie ad un’idea, una parola, un’immagine, un personaggio che uscirà dalla “Divina Commedia” per rivivere in una canzone di settecento anni dopo. Infine il canto è recitato a memoria per suggerire, attraverso la scoperta del suono delle parole, che la poesia non è solo contenuto ma anche musica e ritmo.

Nell’approssimarsi dell’Anno Dantesco lo spettacolo è un’iniziativa del Comune in collaborazione con la Libreria Il Ponte sulla Dora di Torino.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.