IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Casa del Console Calice Ligure

Mostra “Non cambierei proprioniente”

29/09 » 28/10/18

EVENTO GRATUITO
: Casa del Console Via Roma, 61, Calice Ligure, SV, Italia

Attenzione l'evento è già trascorso

Al Museo d’Arte Contemporanea Casa del Console, in via Roma 61, è possibile visitare la mostra dal titolo “Non cambierei proprioniente”, che celebra i vent’anni dalla fondazione dei gruppi parrocchiali a Calice Ligure che hanno coinvolto nel tempo più di mille persone in un paese di poco più di 1700 abitanti. I “gruppi” per tantissimi ragazzi sono i protagonisti di gran parte dei ricordi felici d’infanzia: le amicizie, le prime volte in tenda, l’emozione del viaggio, l’autonomia organizzativa, la creatività artistica.

Le antiche sale presenteranno al pubblico gli oggetti creati e collezionati in venti anni di vita di un’esperienza formativa unica che ha coinvolto la comunità di Calice Ligure. Ogni singolo manufatto esposto testimonia la dedizione di parroci e di responsabili che si sono avvicendati nel seguire la crescita di più di 350 ragazzi, dal 1999 ad oggi.

Oltre alla raccolta delle diverse testimonianze la mostra è l’occasione per riunire le memorie di tutti i partecipanti ai gruppi Parrocchiali di Calice Ligure: i responsabili hanno infatti dedicato l’inverno ad una vera e propria “caccia ai ricordi” tramite l’invio di un questionario a più di settecento persone, genitori inclusi.

Oltre alle risposte dei tanti partecipanti, sono stati elaborati diversi studi da parte di professionisti quali Gabriele Mina (antropologo), Chiara Lena (psicologa), Luisa Barcella (neuropsichiatra infantile), Anna Campora (ex docente di pedagogia e filosofia), Adriana Pavese (insegnante), Maresa Straneo (insegnante), Chiara Tassinari (illustratrice), Giulia Scarrone (Dottoressa in Scienze Pedagogiche e dell’Educazione).

“Abbiamo progettato l’allestimento immaginando una scatenata tribù di indiani d’America che invada il museo, il raffinato piano nobile è stato ripensato come un villaggio Navajos costruito con materiali poveri e bamboo raccolti localmente per l’occasione.” racconta il responsabile della curatori Pietro Rosso, insieme agli altri autori della mostra. Il bamboo è lo strumento che ha permesso di stravolgere la struttura delle sale del Museo e l’elemento estetico-simbolico unificatore di tutti gli spazi e di tutte le diverse forme di allestimento.

Inaugurazione sabato 29 settembre ore 18
Orari: sabato e domenica dalle 16 alle 19, altri giorni su appuntamento al 01965433 (telefonare al mattino) / 3406354018

EVENTI COLLATERALI

6 ottobre ore 17: workshop “Il libretto delle domande”, curato da Chiara Lena
13 ottobre ore 20:30 Teatrino Parrocchiale via Vecchia (sotto la Chiesa San Nicolò): tavola rotonda “Non cambierei proprioniente… o forse…?”
20 ottobre ore 21 Teatrino Parrocchiale via Vecchia (sotto la Chiesa San Nicolò): presentazione documentario con raccolta di interviste della regista Luise Hüsler
28 ottobre ore 18 presentazione del libro di Pietro Rosso e Serena Folco “Non cambierei proprioniente”

MATERIALE ESPOSTO
Il materiale esposto è originale e fornito quasi interamente dalle famiglie dei partecipanti che hanno conservato negli anni i cimeli e i ricordi legati alla loro vita nei gruppi. Sarà esposta una grande varietà di oggetti e materiali che da vent’anni a questa parte hanno caratterizzato le attività dei gruppi.

ORGANIZZAZIONE GENERALE
I volontari e le volontarie del Museo d’arte contemporanea Casa del Console, i responsabili dei gruppi Parrocchiali di Calice Ligure, i commercianti di Calice Ligure, la comunità di Calice Ligure, il Comune di Calice Ligure.

SI RINGRAZIA PER LA GENTILE COLLABORAZIONE don Selva, la Parrocchia San Nicolò di Calice Ligure, Claudio Linoli, Beatrice Poggi e tutte le cuoche dei campeggi estivi, i responsabili dei gruppi Parrocchiali di Quiliano e di Final Borgo, Riccardo Pampararo, Fausto e Nicolò Beardo-Foto Studio Azais, Davide Rossi, Luca Perdoni, le famiglie, i bambini e tutte le persone intervistate. Don Gianluigi Caneto per la sua dedizione, la sua presenza e il suo impegno per la nostra comunità.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!