IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Paolo Rumiz scrittore

Lo scrittore Paolo Rumiz e l’antropologo Daniele Ventola ricevono il Premio Inquietus Celebration 2019

24/07/20

EVENTO GRATUITO
: Fortezza di Castelfranco Via Generale Enrico Caviglia, Finale Ligure, SV, Italia - Inizio ore 21:30
  • forza8eventi@gmail.com
  • Tel. 3356671370 - 3933977814

Attenzione l'evento è già trascorso

Venerdì 24 luglio alle ore 21:30 torna sul solco della rassegna “Castelfranco Classica” il Premio Inquietus Celebration 2019 a cura del Circolo degli Inquieti di Savona. Una serata di incontro – intervista in videostreaming e in presenza con i vincitori, ovvero il giornalista e scrittore Paolo Rumiz e il giovane antropologo Daniele Ventola. La premiazione fa parte di una programmazione più ampia del progetto annuale del circolo, che, come ogni anno, ha scelto un tema portante per le manifestazioni: per il 2020 “Compagni di viaggio: il viaggio e l’inquietudine”.

Il Circolo degli Inquieti torna per il terzo anno a Finale Ligure, sua sede storica di attività, ma a causa del Coronavirus la programmazione ha subito qualche modifica: il premio viene perciò assegnato in estate all’interno della Fortezza di Castelfranco e una seconda parte di azioni verranno messe in campo nel corso dell’autunno. La scelta dei premiati ha naturalmente seguito la traccia del tema di quest’anno.

Il Premio Inquietus Celebration 2019 concorre, con la manifestazione Inquieto dell’Anno, a celebrare e promuovere l’inquietudine come sinonimo di conoscenza e crescita culturale e viene assegnato a personalità affermatesi per vivacità intellettuale e sentimentale e l’originalità del loro percorso di vita o di carriera.

Rumiz e Ventola rappresentano due modi diversi ma complementari di affrontare il tema del viaggio. L’uno è autore di molti libri che di viaggio trattano con un taglio sociologico, storico e politico e da sempre utilizza il movimento, a piedi, in bicicletta, per ricercare e rendere trasparenti momenti di storia su cui la riflessione continua a essere necessaria e illuminante per l’interpretazione del presente.

Daniele Ventola antropologo

Il secondo, giovane antropologo, ha invece fatto del viaggio un modo di vivere, almeno nei suoi ultimi anni. Nell’estate 2018 è infatti partito a piedi da Venezia per raggiungere Pechino, ripercorrendo così l’antica Via della Seta. Attualmente Ventola è in Kirghizistan, dove il virus lo ha costretto ad una battuta d’arresto che gli ha impedito di raggiungere la capitale cinese. Ventola non potrà più terminare il suo viaggio, denominato “Vento della Seta”: il visto per la Cina è scaduto ad aprile e non è possibile attualmente rinnovarlo.

“Vento della Seta” resta però un’avventura straordinaria che lo ha portato ad attraversare confini, conoscere persone, imparare almeno un poco delle lingue dei paesi che ha attraversato senza mai appoggiarsi ad alberghi o ristoranti ma venendo sempre ospitato da persone incontrate lungo il cammino o dormendo in luoghi abbandonati o nella sua tenda.

Il suo obiettivo era quello di combattere il timore dell’altro, della diversità, oltre che conoscere più da vicino la realtà dei paesi, gli abitanti, andando a conoscere le abitudini, le tradizioni dei diversi stati dimostrando così che è possibile immaginare un modo di relazionarsi diverso e che la figura del pellegrino, che sembrava relegata nei libri d’epoca medievale, continua ad essere invece un modo attivo di conoscere il mondo.

Per partecipare è necessaria la prenotazione al numero 3356671370 oppure 3933977814 o via email all’indirizzo forza8eventi@gmail.com. L’incontro è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.