giovedì
14
Aprile
lunedì
25
Aprile

“Come un pesce fuor d’acqua”: ad Alassio i giochi di forme e colori di Angelo Toffoletto

giovedì
14
Aprile
lunedì
25
Aprile
  • DOVE
  • ORARIO
  • QUANTO
  • CONDIVIDI

Alassio. Con il patrocinio dell’Assessorato comunale alla Cultura dal 14 al 25 aprile dalle ore 15 alle 19 all’ex Chiesa Anglicana è visitabile la mostra “Come un pesce fuor d’acqua” del pittore torinese di origine e ligure di adozione Angelo Toffoletto. L’inaugurazione è in programma giovedì 14 aprile alle ore 18 alla presenza dell’artista, della curatrice Marinella Bruno e del critico d’arte Claudia Adreotta.

“Artista poliedrico dall’animo estroso e garbato, possiede il magico dono di condurre l’osservatore in un mondo caleidoscopico in cui colori e geometrie danzano tra loro regalando estasi, gioia e spensieratezza – scrive di lui Bruno – Emozioni che, come carezze sul cuore, giungono come un balsamo benefico in un momento storico in cui tutti noi ci sentiamo un po’ come pesci fuor d’acqua”. Il titolo si ispira al momento storico e alle tele esposte, una quarantina di opere che attingono a piene mani dai colori del mare e dei suoi abitanti.

“L’esuberanza cromatica, il moto ondivago, l’immediatezza del rimando alle incantevoli e infinitamente mutevoli prospettive del paesaggio marino nelle opere di Toffoletto generano nell’osservatore una fascinazione quasi ipnotica – afferma Adreotta – Un meccanismo perfetto è alla base di questa apparente facilità: così come la seducente bellezza di molti fiori si fonda sulle geometrie ricorrenti della successione di Fibonacci, così Toffoletto costruisce le sue tele partendo da un rigoroso impianto strutturale. Nell’arte contemporanea ritmo e sequenza guidano gli studi sulla percezione e si uniscono definendo un linguaggio facilmente affabulatorio”.

“Conosco bene le opere di Angelo Toffoletto – aggiunge Paola Cassarino, consigliera comunale incaricata alla Cultura – Con gioia abbiamo deliberato di concedere l’uso dell’ex Chiesa Anglicana per ospitare la sua personale. Si avverte chiara la necessità di un messaggio positivo, di gioiosa speranza: credo che i colori delle sue tele siano proprio questo”.

segnala il tuo evento gratuitamente +

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.