IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Cara Virginia

“Cara Virginia” in scena al Teatro delle Udienze

30/03/19

EVENTO A PAGAMENTO
: Teatro delle Udienze Piazza del Tribunale, Finale Ligure, SV, Italia - Inizio ore 21:00

Attenzione l'evento è già trascorso

Sabato 30 marzo alle ore 21 al Teatro delle Udienze di Finalborgo andrà in scena lo spettacolo “Cara Virginia” di e con Chiara Tessiore, sviluppato a partire dall’idea, la ricerca storica e il supporto alla drammaturgia di Ambra D’Amico, prodotto da Associazione Baba Jaga e promosso dal Comune di Finale Ligure per la stagione teatrale 2018 – 2019.

Virginia è nata il 22 settembre 1907, il giorno del tragico varo del piroscafo Jolanda. Conosce Nino quando naufraga il Titanic e accetta di sposarlo quando pure la Mafalda cola a picco. Ma Nino e Virginia non si riescono a sposare e nel 1935 lui deve partire per andare a combattere in Abissinia, nella grande impresa coloniale dell’Italia fascista. Virginia, che ormai di anni ne ha 28, non è proprio contenta ma pian piano si convince della necessità di conquistare un po’ di posto al sole e saluta come un eroe il suo Nino mentre lui le canta “Io ti saluto, vado in Abissinia, cara Virginia, ma tornerò… Appena giunto nell’accampamento, dal reggimento, ti scriverò”.

Eppure quelle lettere, all’inizio tanto frequenti e ricche di dettagli esotici su un’Africa mitizzata, proprio quelle lettere che tanto turbano Virginia lentamente cominciano a diradarsi, a farsi sempre più brevi e generiche, fino a non arrivare più. Allora Virginia parte: il governo fascista sta reclutando donne, segretarie, dattilografe, venditrici, impiegate che in primo luogo fungano da rimedio immediato alla “solitudine maschile”, per evitare la temutissima piaga del meticciato, e in prospettiva diventino elemento indispensabile alla costruzione di una collettività nazionale. Se non sono riusciti a convogliare a nozze in Italia, lo faranno in Africa! Virginia si getta alla ricerca del suo Nino, senza trovarlo, e tutto il suo fervore patriottico si schianterà contro una realtà che fa crollare quella roccaforte di certezze goffe e gonfiate in una nuvola di fumo.

Lo spettacolo parte dal domandarsi quale sia l’origine del razzismo, a chi facciano comodo gli stereotipi e perché ci sia sempre bisogno di definire chi sia il nemico per trovare una definizione.

Biglietti: intero 15 € | ridotto 10 € (sostenitori #iovivoilteatrodelleudienze, studenti delle scuole superiori, soci: Baba Jaga, CAI, Libera, A.N.P.I.).
Lo spettacolo rientra nell’ambito della mostra “Itinerario Migrazioni” allestita presso il Palazzo del Tribunale da giovedì 21 marzo a lunedì 1 aprile con orario 15 – 19.

Cara Virginia

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!