lunedì
27
Dicembre
domenica
9
Gennaio

Ad Andora il “Viaggio fotografico nella vita di Alda Merini” con gli scatti di Giuliano Grittini

lunedì
27
Dicembre
domenica
9
Gennaio
Alda Merini poetessa

Andora. Il Museo Mineralogico “Luciano Dabroi” di Palazzo Tagliaferro accoglie il “Viaggio fotografico nella vita di Alda Merini”, una mostra a cura di Christine Enrile e che raccoglie gran parte dell’opera per immagini che Giuliano Grittini ha dedicato alla sua conterranea poetessa milanese, della quale è stato per molti anni uno degli amici più cari. Il percorso espositivo si sviluppa per sezioni: i ritratti, la casa, gli incontri, i momenti intimi e ufficiali di una donna che ha segnato la letteratura italiana dagli anni ’50 ai Duemila.

Grittini ci dona una testimonianza preziosa su una vita spesa sull’altare della poesia. L’incontro tra i due segna uno spartiacque nella vita di entrambi: per Merini si tratta della possibilità di utilizzare l’occasione fornita dall’obiettivo fotografico, per Grittini quella di concentrare la propria ricerca espressiva su una donna di grande fascino ma “ingombrante”. Negli scatti di Grittini Alda Merini si riprende il corpo, l’anima e soprattutto lo sguardo, si diverte come un’attrice consumata di fronte all’obiettivo di colui che è prima di tutto un amico, un personaggio della Ripa del quale a volte ci si può fidare.

La forza di Merini e delle fotografie di Grittini sta nell’essere sempre in bilico fra happening e malattia psichica, l’essere una maschera a cui rimanere fedele e un soggetto che sfida l’istante esatto della morte fotografica. Le immagini, come già gli aforismi di Merini, sono tentativi parziali di cogliere una totalità che resta nel complesso inafferrabile.

La casa, le strade di Milano lungo il Naviglio, le abitudini di una vita, il Caffè Charlie sono luoghi reali, dell’anima, per la memoria e della letteratura in cui i visitatori sono introdotti dalla mise en abyme in cui il doppio letterario e fotografico sono sfacciatamente esposti. Ciò che resta è la magia dell’incontro di un uomo e una donna che per un po’ si sono compresi e hanno camminato insieme.

Il polo museale è aperto al pubblico dal 27 dicembre al 9 gennaio dalle ore 15 alle 19, il 31 dicembre dalle 15 alle 16:30. L’inaugurazione è in programma lunedì 27 dicembre alle ore 17:30 alla presenza della figlia della poetessa Barbara Carniti Merini. Correlati alla mostra, martedì 4 gennaio alle ore 17:30 e alle 20:30 si terrà la lettura scenica “Dedicato ad Alda Marini” (la partecipazione sarà su prenotazione).

Il tradizionale appuntamento con il teatro nelle sale affrescate del Contemporary Culture Center proporrà un monologo dedicato alla grande poetessa a cura dell’attrice lecchese d’origine e milanese d’adozione Rossella Rapisarda. Tutto ruoterà intorno alle poesie e gli aneddoti della vita di Alda Merini, raccolti attraverso le testimonianze degli amici che l’hanno conosciuta da vicino proprio sui Navigli, tra i quali Arnoldo Mosca Mondadori, Alberto Casiraghi, Giuseppe d’Ambrosio Angelillo e lo stesso Giuliano Grittini.

segnala il tuo evento gratuitamente +

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.