IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Tecnologia avanzata al servizio dei pazienti a cifre molto accessibili: la Casa della Salute sbarca ad Albenga fotogallery

Diagnostica per immagini e cardiologia ad un euro in meno del ticket e grande attenzione alla medicina sportiva, ma non solo

Albenga. A partire dallo scorso primo luglio, Albenga può contare su una nuova struttura in campo medico-sanitario: la Casa della Salute, che non vuole proporsi in chiave sostitutiva rispetto al sistema sanitario nazionale bensì come un supporto integrativo per i pazienti del territorio, con prestazioni di altissima qualità a cifre molto accessibili.

Il gruppo è nato nel 2013 da un’idea di Marco Fertonani che, in un piccolo locale di 90 metri quadrati situato a Busalla, e con un solo dipendente, ha lanciato il primo centro di diagnostica e medicina sportiva. A distanza di 5 anni, la struttura è cresciuta e si è trasformata in una rete di poliambulatori specialistici privati, dislocati tra Liguria e Piemonte, con 61 dipendenti.

Casa della Salute è presente a Busalla, Alessandria, Genova Quarto e, da luglio 2018, anche ad Albenga, con ben due strutture, situate rispettivamente nella zona industriale della città, in via San Benedetto Revelli 20, e in centro, in via Cavour 10, che offrono uno svariato numero di servizi: Ortopedia e Traumatologia; Ginecologia e Ostetricia; Dermatologia e Venereologia; Cardiologia; Chirurgia plastica e ricostruttiva; Medicina dello Sport; Odontostomatologia; Chirurgia Vascolare; Urologia; Otorinolaringoiatria; Radiologia e Diagnostica per Immagini.

“Ad Albenga, così come negli altri centri, – ha spiegato Dario Gennaro, responsabile della comunicazione della Casa della Salute, – garantiamo alta qualità negli esami e nelle prestazioni a prezzi accessibili, grazie ad un gruppo solido alle spalle che permette importanti investimenti in tecnologia  e attrezzature di ultima generazione e grazie ad un’organizzazione aziendale che permette di ottimizzare i costi e quindi garantire un prezzo al pubblico accessibile e a volte inferiore al ticket pubblico. Ad esempio, diagnostica per immagini e cardiologia ad un euro in meno del ticket”.

Casa della Salute, inoltre, vuole essere vicino allo sport e garantire a tutte le società sportive di svolgere la medicina sportiva a prezzi sostenibili.

“Questo anche per la passione sportiva del nostro amministratore Marco Fertonani che era un ciclista professionista e sostiene lo sport in tutti i territori in cui siamo presenti, – ha proseguito Gennaro. – Sin dal nostro arrivo ci siamo mossi per conoscere tutte le realtà sportive del territorio che speriamo, dal prossimo 16 agosto (prima giornata di medicina agonistica), decidano di stipulare delle convenzioni con noi”.

A Genova, inoltre, è stata avviata una sperimentazione che vede coinvolte la Casa della Salute e Liguria Salute per “liberare” i pronto soccorso nel weekend e garantire comunque assistenza di qualità a cittadini e turisti sul territorio.

“Lavorando sui territori di Genova siamo andati subito a cercare le associazioni di riferimento del mondo sanitario. Siamo partner, e ci tengo a ringraziarli, di Liguria Salute, associazione dei medici di famiglia dei territori della Liguria con i quali, nel genovese, abbiamo lanciato un progetto: il Punto di primo soccorso. Non siamo un pronto soccorso pubblico, ma vogliamo dare un supporto integrativo per tutti i codici bianchi e verdi. Noi non possiamo assegnare un codice, ovviamente, ma a persone che magari in ospedale dovrebbero attendere anche 4 o 5 ore diamo la possibilità di recarsi da noi, esclusivamente il sabato e la domenica, con un medico di famiglia a loro disposizione. Il tutto, con un ticket da 30 euro. Si tratta di un’iniziativa che vorremo replicare anche ad Albenga”, ha aggiunto Gennaro.

Infine, il responsabile della comunicazione di Casa della Salute ha spiegato la scelta di aprire una duplice struttura in terra ingauna, che è stata tutt’altro che casuale.

“Abbiamo deciso di puntare su Albenga per diversi motivi, frutto di studi approfonditi. La città è baricentrica rispetto alle province di Savona e Imperia, è popolata tutto l’anno, è caratterizzata da un’importante vocazione turistica, da un caratteristico entroterra e da un’importante presenza industriale, ed è facilmente raggiungibile in auto e treno. E le anche la posizione delle due strutture non è casuale: una, un po’ più grande, nella zona industriale, ed una in pieno centro storico, in modo da garantire un’ampia copertura su tutto il territorio”, ha concluso Gennaro.

Le prenotazioni per la Casa della Salute si possono effettuare tramite un centralino unico, online o con la nuova App dedicata: gli appuntamenti sono fissati sempre entro le 48 ore.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.